Revisione di metà stagione del 2018 per Jak Crawford

Revisione di metà stagione del 2018 per Jak Crawford

“Tradotto con il traduttore di Google”

18 giugno 2018 – Prima della fine di marzo del 2018, lo standout americano Jak Crawford aveva già conquistato vittorie e un campionato importante nei Legends Car Winter Nationals, il vice-campionato per Legends Car Winter Heat, e aveva fatto il karting in Europa per due settimane come parte di un soggiorno di tre mesi senza un viaggio programmato per tornare negli Stati Uniti. Mostrando la sua vera diversità, il 2018 sarebbe il secondo anno consecutivo di forme di sport molto diverse per il giovane texano.
 
La stella delle due gare sportive divide il tempo tra le discipline e non aver partecipato a una gara di karting dai suoi Superkarts del novembre 2017! USA (SKUSA) La vittoria di SuperNationals a Las Vegas, la ruggine del kart racing era evidente in Europa. Il primo evento europeo si sarebbe tenuto a La Conca a Muro Leccese, in Italia, e Jak ha lottato con la presa severa che si sviluppa su questa pista diversamente da qualsiasi altra parte del mondo.
 
Qualche settimana più tardi, Jak si è ritrovato in prima posizione al Circuit International Napoli di Sarno, in Italia, per poi finire settimo nel suo primo campionato europeo CIK-FIA nella categoria OKJ. Da allora, è stata una lotta affrontando nuove piste, il livello di aderenza europeo e il suo corpo in crescita che è spuntato oltre sei pollici, fermo ora a 5’9 “, che cambia non solo il centro di gravità nel kart , ma anche l’impostazione necessaria per produrre la velocità necessaria per essere in prima linea sul campo.
 
“È stato molto da gestire a volte con tutti i cambiamenti, ma mi sto aggrappando”, ha spiegato Crawford. “Mi sento pronto per un breakout di run di successo per l’ultima parte dell’anno qui in Europa e non vedo l’ora di salire sul gradino più alto del podio più avanti nell’anno.”
 
Un terzo posto sul podio a Wackersdorf, in Germania, e diversi top-ten in questi luoghi a Sarno, in Italia, a Lonato, in Italia ea Salbris, in Francia, dimostrano che ci sono margini di miglioramento, ma anche i primi successi che si possono costruire con le imbarcazioni da corsa miglioramenti e adeguamenti delle condizioni europee.
 
Crawford ha dichiarato: “Non mi piace avere scuse ma il livello di aderenza in Europa è stato molto difficile per me, perché eccellevo nel grip più basso sia nelle vetture Legends che nel karting. Sono uno dei più veloci in campo fino alle qualifiche e poi la presa si forma e io non sono veloce come gli altri con le gomme nuove.Nelle gare di pioggia, sono sicuramente uno dei più veloci. Se posso iniziare a ottenere buone posizioni di qualifica, posso vincere con la mia nuova squadra come i materiali sono molto buoni. “
 
Permettere a Jak di lavorare senza un allenatore per i primi tre mesi è stato un errore ammesso da parte di suo padre, ma ora a bordo del Kosmic Racing Department, Jak ha più personale a disposizione come pilota ufficiale del team OTK. Mentre il cambio di OTK doveva essere facile, ci è voluto un po ‘per adattarsi completamente alle preferenze di Jak nel telaio. Il team è fiducioso di aver trovato recentemente una combinazione di velocità in Germania che può estendersi fino al resto dell’anno.
Il resto del suo programma di kart 2018 ha lasciato alcune grandi gare europee e alcuni piccoli eventi di manutenzione per mantenere Crawford nel sedile e al volante. Il 2018 sarà un anno perfetto per il giovane americano nella categoria OKJ, dato che la dimensione di Jak è già un grosso impedimento per i suoi risultati rispetto a tanti piloti più piccoli della classe. Nel 2019, Jak dovrà laurearsi nella divisione OK come un tredicenne.
 
Non rinunciando alle Legends Cars veloci e scivolose, Jak ha diverse gare in calendario per giugno / luglio e per il resto del 2018, compresa la vittoria del suo Road Course World Finals, così come il karting alle SKN SuperNationals dove spera di difendere il suo titolo e diventare uno dei due soli vincitori della categoria back-to-back nella storia degli eventi.
 
Jak vorrebbe ringraziare OMP racing gear e Bell Helmets USA per il loro equipaggiamento protettivo da gara. Un grande ringraziamento al partner di marketing di Legends Car, Mobil 1.