SFIDA SULLE DOLOMITI: KART VS LAFERRARI APERTA

sfondo sezione
Da una parte una Ferrari in edizione limitata con motore da 963 Cv. Dall’altra un kart 250 cc. Di fronte: le strette curve di montagna verso il Passo Giau. Una sfida impossibile... tutta da vivere
IL LUOGO

Il passo Giau. Più precisamente dal km 6 al km 8 della strada che da Cortina d'Ampezzo porta ai 2236 m del valico teatro di epiche sfide del Giro d’Italia

IL MOTIVO

C’è una canzone italiana che dice: “...Per vedere di nascosto l’effetto che fa!”. In sintesi, è tutto qui!
Come puoi giustificare razionalmente la sfida tra un kart e un’auto da 963 cv su una strada di montagna?

COSA CI GUADAGNI

Il fascino di una sfida tra due mezzi, ciascuno a suo modo, estremi. In un teatro unico al mondo come le Dolomiti. Serve altro?

COS'HAI DA PERDERE

Portare un mezzo da competizione come il kart su una normale strada di montagna comporta delle incognite. Farlo confrontare con una Ferrari da € 1.860.000 rende il tutto più complicato. Se qualcosa va storto... non ci pensiamo!

Non è una novità. TKART è abituato a portare il kart fuori dal suo habitat naturale: lo ha fatto andando in Florida, negli States, su una pista da Dragster; sulle nevi delle Alpi; sugli oltre 20 km del vecchio Nürburgring... Per mantenere il livello, dunque, serviva l’idea giusta. Per esempio? Andare su un passo dolomitico, montare un motore da 250 cc sul kart, e metterlo a confronto con un’auto esclusiva come LaFerrari Aperta (scritto proprio così) da 963 cv di potenza e oltre 1 milione e 800 mila euro di prezzo. Può andar bene?
Avuta la “pensata geniale”, trovare l’auto è stato relativamente semplice, puntando dritti su @Powerslidelover. Per il kart, invece, il numero da comporre quando c’è da rispondere con vigore a certe sfide è quello di “Mr. Energy Corse” Mick Panigada, che da oltre 10 anni colleziona titoli europei di kart nella classe KZ2 con i suoi mezzi. Solo che, in genere, i kart shifter montano un motore monocilidrico 125 cc con cambio a 6 marce e circa 45-50 cv di potenza, mentre per questa impresa serve qualcosa di più. Così sull’Energy Eclipse viene installato un motore DEA Engineering da 250 cc di cilindrata, 6 marce, e oltre 70 cv a disposizione per dar filo da torcere a LaFerrari Aperta. Serve anche un pilota. Magari un po’ folle. Qualcuno come il norvegese Andreas Bakkerud, pilota ufficiale Audi nel mondiale FIA Rally Cross e sempre a suo agio quando il contesto non è del tutto canonico.
Tap for more
Trovati gli sfidanti, non resta che definire il campo di gioco. La scelta cade sul Passo Giau, strada del mito per le biciclette, incastonata nello scenario delle Dolomiti. Il tratto interessato (e chiuso al traffico) è di 2,5 km: dal km 6 al km 8,5 della salita che da Cortina d'Ampezzo porta ai 2.236 m della cima.
Sulla carta LaFerrari Aperta è avvantaggiata: un motore 12 cilindri e 6.2 litri di cilindrata per un totale di 963 CV (tra motore termico e unità elettrica), a fronte di 1.565 kg di peso, ti fanno sentire abbastanza la vittoria in tasca quando vai a sfidare quattro ruote alte una spanna attaccate a un telaio in tubi che con pilota, motore (da 72 cv) e benzina arriva a pesare 180 kg. Anche il rapporto peso potenza gioca a favore dell’auto: 1,8 Kg/CV LaFerrari Aperta, contro 2,5 Kg/CV il “Monster kart”. Un elemento importante, invece, va a favore del kart: la possibilità di lavorare sul setup. Camber, caster, altezze da terra, rapporto finale del cambio...
Grazie all’intervento di ACI Belluno abbiamo a disposizione diversi slot utili per chiudere i 2,5 km scelti della strada che porta da Cortina al Passo Giau. Un tratto misto veloce che forse penalizza un po’ LaFerrari Aperta, che potrebbe dare il meglio di sé su rettilinei lunghi, piuttosto che nei tornanti stretti dove @Powerslidelover - capace di un controllo dell’auto pazzesco - spesso si ritrova a bandiera e con il gas spalancato in attesa che il controsterzo faccia il suo effetto.
Prima di procedere con il racconto, però, è giusto scoprire più da vicino le caratteristiche dei due mezzi chiamati alla sfida.

L’AUTO: LaFerrari Aperta
Realizzata in pochissimi esemplari, è la versione spider dell’acclamata supercar LaFerrari. L’intenso sviluppo condotto dai tecnici Ferrari, con interventi mirati nelle aree del telaio e dell’aerodinamica, ha permesso di creare una vettura roadster che, a parità di prestazioni, vanta le stesse caratteristiche di rigidità torsionale e flessionale e lo stesso coefficiente di resistenza aerodinamica della versione coupé.

SCHEDA TECNICA

MOTORE
Potenza Max 963 CV
Velocità massima 350 km/h
Accelerazione 0-200 km/h meno di 7 sec
Potenza complessiva max più di 900 CV
Potenza motore termico 800 CV @9000 rpm
Regime massimo 9250 rpm
Coppia motore termico 700 Nm @6750 rpm
Potenza motore elettrico 120 Kw (163 CV)
Cambio Cambio F1 a doppia frizione