carreggiata anteriore, , " />
Magazine | Test in Pista Tecnica
La carreggiata anteriore0%
test in pista tecnica
prova

LA CARREGGIATA ANTERIORE

Le larghezze delle carreggiate sono dei parametri fondamentali dell’assetto del kart, facilmente e velocemente modificabili.
Qui, scopriamo, grazie alle impressioni di guida e i dati forniti dalla telemetria AIM, quali sono i reali riscontri che si hanno, in pista, allargando o stringendo la carreggiata anteriore

Leggi tutto
test in pillole
Cosa

Verificare la risposta in pista del kart al variare della carreggiata anteriore

Come

Prova 1: carreggiata anteriore a “due tacche”
Prova 2: carreggiata anteriore a “cinque tacche”

Dove

Al kartodromo dell’Adria International Raceway

Condizioni

Asfalto curato e regolare, ma totalmente senza gomma (il test si è svolto a metà settimana). Per questo, sono state utilizzate gomme molto prestazionali, come le Vega Bianche.

Meteo
26°C
IN TEORIA
CARREGGIATA ANTERIORE

La carreggiata anteriore influisce sul grip all’avantreno e determina, quindi, la velocità di ingresso e percorrenza della curva. Gli aspetti principali legati alla larghezza della carreggiata anteriore sono due. Il primo, che regola il grip, è legato al fatto che, allargando la carreggiata anteriore, la differenza di altezza delle ruote anteriori determinata, quando si sterza, dall’angolo di Ackermann, aumenta con l’aumentare della carreggiata. Il secondo aspetto è legato alla maggiore rotazione della ruota anteriore interna rispetto all’esterna, in modo che si crei un punto di rotazione ideale che varia con la carreggiata: più questa è larga e maggiore è il raggio della curva ideale da percorrere. Quindi, maggiore è la carreggiata, maggiore grip si avrà all’avantreno e più il kart girerà bene su curve a largo raggio. Viceversa per una carreggiata minore.

CARREGGIATA POSTERIORE

Nonostante la prova in questione sia incentrata sulla carreggiata anteriore, non possiamo trascurare un cenno anche su quella posteriore. Questa, sui telai attuali, tende a essere sempre regolata al suo valore massimo, imposto per regolamento a 140 cm. Aumentare il valore della larghezza della carreggiata determina un tratto più lungo di assale fra cuscinetto esterno dell’assale e mozzo, quindi una maggiore flessione dello stesso assale nel lato in appoggio e, di conseguenza, una riduzione dell’aderenza al retrotreno.
L’effetto contrario si ha, chiaramente, nel caso di riduzione della carreggiata posteriore.

GOMME E GRIP

Su un tracciato poco gommato, ma con gomme morbide, non si ha un problema di eccesso di aderenza all’avantreno o al retrotreno, che porterebbe a un effetto frenante soprattutto in fase di accelerazione. È certamente importante, però, il bilanciamento del grip fra anteriori e posteriori. Un kart con carreggiata anteriore molto larga aiuterebbe l’inserimento, e soprattutto la percorrenza a metà curva, ma potrebbe determinare poca trazione in uscita di curva, perché, con lo sterzo anche poco ruotato, il pneumatico posteriore interno risulterà ancora leggermente sollevato e la trazione ne sarà compromessa. Inoltre, il grip elevato all’avantreno determinerà ancor più lo scivolamento del retrotreno.

LARGHEZZA ANTERIORE 2 TACCHE
53’’600
Assetto
Larghezza posteriore 140 cm
Camber Neutro
Caster Neutro
Altezza posteriore Basso
Altezza anteriore Basso
Cosa ci aspettiamo

Nella prima sessione di prove abbiamo voluto percorrere diversi giri con un assetto standard. L’avantreno è stato impostato con larghezza misurata sulle (pratiche) tacche dei mozzi pari a due: una carreggiata non molto larga e, quindi, un avantreno molto libero. Su un circuito poco gommato, con alcune curve veloci fondamentali, come l’ingresso al rettilineo del traguardo e il curvone di metà rettilineo, ci aspettiamo qualche carenza all’avantreno. Vediamo se è effettivamente cosi.

Sensazioni in pista

Durante le prove effettuate si nota che il telaio si comporta bene su tutto il circuito, con un buon bilanciamento generale, aiutato da pneumatici Vega con ottima aderenza, se non altro in traiettoria. I punti critici risultano proprio i due punti evidenziati, cioè i curvoni veloci, dove le correzioni, soprattutto a metà curva, tendono a far perdere tempo.

Analisi

Ciò che si può vedere già nel video realizzato con la GoPro, che riprende la ruota anteriore interna in queste curve, in particolare il curvone veloce di metà rettilineo, è confermato anche dal grafico della velocità (linea verde) ottenuto grazie alla telemetria e sistema GPS AIM. È proprio sulle curve veloci ad ampio raggio che una carreggiata anteriore troppo stretta va in crisi, con un sottosterzo che porta, appunto, a diverse correzioni.

Gomme

Al termine della sessione in pista con carreggiata più stretta, le ruote anteriori risultano che non si sono scaldate a sufficienza, se non altro la anteriore destra (interna), mentre l’anteriore sinistra (in appoggio), è al limite minimo di pressione consigliata a caldo.
A questo proposito vale ricordare la regola di carattere generale per la quale, se il grip è talmente basso che la gomma scivola sempre e troppo, questa tenderà a non scaldarsi a sufficienza, cosa che può verificarsi soprattutto su piste con molto poco grip, come quella di Adria durante il nostro test.

LARGHEZZA ANTERIORE 5 TACCHE
53’’110
Assetto
Larghezza posteriore 140 cm
Camber Neutro
Caster Neutro
Altezza posteriore Basso
Altezza anteriore Basso
Cosa ci aspettiamo

Per compensare il problema di sottosterzo delle prime sessioni di test, si è deciso di allargare abbondantemente la carreggiata anteriore, aumentandola di 3 tacche, pari a 1,5 cm per lato, per un totale di ben 3 cm.
Un valore certamente importante, ma che pensiamo possa migliorare sensibilmente la situazione.

Sensazioni in pista

Subito il kart è risultato più controllabile all’avantreno, con una tenuta in curva molto superiore, soprattutto nei curvoni veloci. Qualcosa si è perso nel primissimo tratto di inserimento in curva, ma in modo molto limitato. Anche l’ingresso in rettilineo è più efficace, con l’anteriore preciso e il posteriore che scivola in modo controllato, aiutando a curvare e permettendo di girare molto meno lo sterzo a tutto vantaggio di velocità e accelerazione (come ben si vede nel video). Solo nelle curve più lente, con cambio rapido di direzione, la carreggiata anteriore larga risulta meno efficace.

Analisi

La telemetria, e il tempo finale sul giro, confermano la maggiore pulizia di guida: in particolare, la curva di metà rettilineo si percorre senza quasi correzioni sullo sterzo, a tutto vantaggio della velocità.
Il leggero ritardo nel cambio di direzione, dovuto sia alla flessione dei fuselli, che ora hanno un braccio maggiore, sia per un centro di curva ideale impostato per curve a raggio maggiore, determina un ritardo che si può ben notare nel tratto della S prima del curvone di ingresso al rettilineo. Qui, il kart con assetto largo all’avantreno (linea rossa) perde rispetto all’assetto precedente più stretto (linea verde).

Gomme

Che la situazione sia migliorata rispetto allo stint precedente, lo si nota anche dalle pressioni delle gomme al termine della prova. Con una carreggiata maggiore, tutti e quattro gli pneumatici hanno raggiunto una pressione omogenea. Ma se le pressioni a caldo delle ruote posteriori più o meno sono rimaste invariate rispetto a prima, sono molto migliorate le pressioni delle ruote anteriori.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO... E ALTRI!!!
€2,99 per il 1° anno / 365 giorni / 400+ articoli
TKart Magazine
  • icone_icon-1-1 Multi dispositivo
  • icone_icon-2-1 Oltre 15 canali tematici
  • icone_icon-3-1 Ti abboni oggi e hai accesso anche a tutti i vecchi articoli
  • icone_icon-4-1 Continui aggiornamenti
  • icone_icon-5-1 Valido 365 giorni dall'attivazione
Dicono di noi
TKart Magazine
Registrati ora per un tour gratuito di 24 ore
*Campi richiesti

Your personal data will be used to support your experience throughout this website, to manage access to your account, and for other purposes described in our privacy policy.

Registrati, inserisci i dati della carta di credito e prova gratis TKART Magazine per 10 giorni

  • Non avrai alcun addebito fino al termine della prova gratuita
  • Interrompi la prova quando vuoi, senza impegno
Continua Annulla

IL CASTER