Tkart magazine

Sotto Esame | Mcx, il nuovo motore 60 cc di vortex engines

go down go up

MCX, IL NUOVO MOTORE 60 cc DI VORTEX ENGINES










2T

TIPOLOGIA
Motore a 2 tempi, come la stragrande maggioranza dei propulsori per kart. Il 4 T è una piccola nicchia

60 cc

CILINDRATA
La categoria Mini monta motori 60 cc

ELETTRICO

AVVIAMENTO
Elettrico con motorino d’avviamento inserito nel motore

MONOMARCIA

TRASMISSIONE
Due le “grandi famiglie” di motori per il kart: monomarcia e a marce. Il 60 cc è monomarcia

CIK-FIA 2020

OMOLOGAZIONE
È quella CIK-FIA per la minikart in vigore dal 2020

Per la prima omologa dedicata alla 60 Mini, con la quale la CIK-FIA ha voluto unificare sotto un’unica regolamentazione ogni aspetto tecnico della categoria, Vortex Engines propone l’MXC, un motore totalmente nuovo rispetto al precedente MR3. I tecnici Vortex hanno lavorato per diminuire dimensioni e peso del propulsore e per migliorare il raffreddamento, grazie a passaggi d’aria ottimizzati.

A differenza del passato, ogni componente è studiata e realizzata specificatamente per il motore 60 cc., senza essere derivata da motori di categorie superiori. Il primo obiettivo è stato quello di avere una buona base di partenza per lo sviluppo, punto importante per sfruttare al massimo le potenzialità di un motore appena nato.

L’MCX si presenta di ben 2 chilogrammi più leggero rispetto al precedente MR3, un dato già notevole ma ancor più importante se si considera che stiamo parlando di un motore 2T di soli 60 cc. La maggior leggerezza permette, a parità di peso del pilota e telaio, di gestire in maniera ottimale la distribuzione dei pesi migliorando il setup del kart.
Sempre facendo un confronto con il precedente MR3, la riduzione di massa ha ridotto anche la capacità termica del nuovo propulsore, il ché significa una maggiore rapidità di reazione all’aumento o alla diminuzione della temperatura del motore.

0%

    Il convogliatore di plastica ai lati della testa, regolabile su tre posizioni, hanno il compito di aumentare il raffreddamento

    Leggi tutto

    La testa del nuovo MCX vista dal lato di accoppiamento con il cilindro

    Leggi tutto

    La luce di scarico lavorata è realizzata con macchinari a controllo numerico

    Leggi tutto

    Il nuovo albero motore, realizzato internamente dalla vortex stessa

    Leggi tutto

    Il nuovo MCX monta dei cuscinetti a rulli. Questi, rispetto alla versione a sfere, permettono intervalli di manutenzione maggiori

    Leggi tutto

    Alla vista il nuovo MCX appare subito molto compatto: ogni componente risulta rastremato e ridotto di dimensioni rispetto al passato. Osservando i due carter aperti si capisce come l’obbiettivo dei tecnici Vortex sia stato quello di concentrare la massa nelle zone necessarie, rastremando in tutti i punti laddove possibile. La distribuzione degli spessori dei carter è studiata per evitare deformazioni e contrazioni sia in fase di fusione sia durante l’esercizio del motore, cercando di rendere la struttura la più bilanciata possibile.

    Continua a leggere il tuo articolo

    Non perdere tempo: registrati ora per un free tour di 24 ore. Articoli illimitati.

    Inizia il tuo free tour di 24 ore
    Non è richiesta la carta di credito
    o
    Salta il free tour e diventa un membro di TKART Magazine.
    • Continui aggiornamenti
    • Contenuti interattivi (360°, Video, Gallery, ecc)
    • 15 rubriche
    • Più di 500 articoli approfonditi
    • Accesso a tutto l’archivio
    • Disponibile in italiano, inglese e spagnolo
    • Accesso da desktop e mobile
    Abbonati