Magazine | Prima Analisi
Quando un kart storico incontra il tuning0%

QUANDO UN KART STORICO INCONTRA IL TUNING

Non è raro, girando per i kartodromi, imbattersi in qualche amatore che sfreccia su un kart d’epoca rimesso a nuovo. Più raro è che quel kart, nato negli Anni ’80, sia modificato e personalizzato trasformandolo in un mezzo “tuning – storico” tutto da scoprire

Leggi tutto
QUANDO
TELAIO
SEDILE
MOTORE
PNEUMATICI

L’occasione di questo incontro inaspettato è stata una tappa del Campionato Europeo CIK-FIA di KZ e KZ2 di qualche tempo fa. La pista era quella di Wackersdorf, in Germania, e, insieme ai kart dei maggiori team del circuito, il weekend è stato animato da tanti mezzi storici arrivati da tutta Europa per una manifestazione di contorno all’evento principale.

Tra questi, spiccava un mezzo del tutto particolare: non tanto per la storicità in sé, quanto per le sue caratteristiche e le modifiche un po’ fuori dagli schemi. I puristi dei kart storici sicuramente storceranno il naso, ma chi era presente a Wackersdorf ha dimostrato di apprezzare e, soprattutto, di essere incuriosito da un mezzo sicuramente unico nel suo genere.

QUANDO
TELAIO
SEDILE
MOTORE
PNEUMATICI

Il primo indizio per ricostruire l’identità del kart è piuttosto semplice per gli appassionati: “Kalì”. Le scritte sulla pianalina parlano chiaro, riportando il nome della realtà fondata da Calogero Vanaria, uno dei “padri fondatori” del karting.
La Kalì Kart è stata una delle aziende che hanno scritto la storia del kart, mietendo successi tra gli Anni ’70 e ’80 e facendo correre tantissimi piloti poi diventati dei numeri uno.
Il telaio in questione è del 1984, ed è lo stesso che utilizzava Gabriele Tarquini, pilota italiano arrivato, poi, in Formula 1, che proprio in quell’anno conquistò il titolo mondiale. Un titolo particolarmente significativo, visto che fu il primo nelle classi con il cambio (precisamente, in Formula C) di quella che è, oggi, la CRG. Tarquini vinse sulla pista di Axamo, in Svezia, guidando un Kalì-Kart motorizzato Komet ed equipaggiato con gomme Dunlop. Curiosità: sempre al 1984 risale anche il primo titolo mondiale per CRG nelle classi a presa diretta, conquistato da Jorn Haase a Liedolsheim, in Germania, nel Campionato del mondo Formula K.

QUANDO
TELAIO
SEDILE
MOTORE
PNEUMATICI

Qui, decisamente, il proprietario del kart si è preso qualche libertà, attaccando una serie di adesivi di alcuni dei marchi che in un certo senso hanno contribuito a rendere grande questo motorsport.

Fa eccezione il logo della FIAT, che con il karting non ha molto a che vedere… L’unica caratteristica in comune è che anche questo adesivo è un po’ retrò, riproducendo il logo utilizzato negli Anni ’80, non quello attualmente presente sulle autovetture della Casa italiana.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO... E ALTRI!!!
€2,99 per il 1° anno / 365 giorni / 300+ articoli
TKart Magazine
  • icone_icon-1-1 Multi dispositivo
  • icone_icon-2-1 Oltre 15 canali tematici
  • icone_icon-3-1 Ti abboni oggi e hai accesso anche a tutti i vecchi articoli
  • icone_icon-4-1 Continui aggiornamenti
  • icone_icon-5-1 Valido 365 giorni dall'attivazione
Dicono di noi
TKart Magazine
Registrati ora per un tour gratuito di 24 ore
*Campi richiesti

Your personal data will be used to support your experience throughout this website, to manage access to your account, and for other purposes described in our privacy policy.

Registrati, inserisci i dati della carta di credito e prova gratis TKART Magazine per 10 giorni

  • Non avrai alcun addebito fino al termine della prova gratuita
  • Interrompi la prova quando vuoi, senza impegno
Continua Annulla

OKR e KZR. GLI IMPIANTI FRENO PER OK E KZ FIRMATI K-KART