Magazine | Editoriale
Paolo condè racconta come ebbe inizio la storia della iame0%

BRUNO GRANA E LA IAME COME TUTTO EBBE INIZIO

Bruno Grana, Parilla, Komet, BM, Sirio... Tutti nomi che hanno segnato la storia del karting. E tutti nomi che fanno capo a una delle icone di questo sport: IAME. Paolo Condè, memoria storica della casa costruttruice di motori italiana, racconta come tutto ebbe inizio.


“Bruno Grana era un imprenditore italiano del dopoguerra, il cui interesse economico era legato a una passione in un modo che oggi è difficile riscontrare. Agli inizi degli Anni ‘60 lui lavorava alla Moto Parilla e, quando vide che negli Stati Uniti si stava sviluppando questo nuovo mezzo del go-kart, ne intuì le potenzialità e convinse la famiglia Parilla a entrare nel mercato.

L’avventura cominciò esportando negli Stati Uniti, ma presto il business si ampliò ad altri Paesi. A questo punto, insieme all’ingegnere Cesare Bossaglia, anche lui dipendente della Moto Parrilla e papà di quell’Andrea che a tutt’oggi è una delle figure di riferimento in Iame, Grana decise di fondare un proprio marchio specificatamente dedicato al settore kart: Komet. Poco tempo dopo, quando la Parilla chiuse, Bruno Grana ne acquisì il marchio e nel 1968, riunendo di fatto i due marchi Komet e Parilla, fondò la Iame. L’origine del nome è presto spiegata: all’inizio alcuni soci erano americani, da qui la scelta di chiamare la società Italian American Motor Engineering, le ci iniziale danno, appunto, IAME.
In seguitò Grana rilevò l’intero capitale e nel frattempo acquisì anche i marchi BM (la Bertuzzi Motori n.d.r.) e Sirio. Fu così che, nell’arco di 10 anni, la Iame gettò le basi di quello che per i successivi decenni è stato l’assetto portante dell’azienda, con i 4 marchi a comparire sui diversi motori prodotti nello stabilimento di Zingonia, vicino a Bergamo.
Certo, anche in una storia come questa non sono mancati i momenti difficili, come quando, per esempio, sul mercato irruppe la Rotax con le sue novità: lì ci fu un attimo di crisi. Però l’episodio servì anche per fare un sincero mea culpa, trovare il modo di adeguarsi ai nuovi standard del mercato e della tecnologia e proseguire un cammino indubbiamente di successo”.

Classe 1943, ha iniziato a lavorare in Iame nel 1978. Dei tanti talenti del volante che ha visto passare, due gli sono rimasti nel cuore: Mike Wilson: “L’ho introdotto io in Iame... ero l’unico che sapeva l’inglese”; e Fernando Alonso: “L’ho seguito dagli 8 anni a quando ha spiccato il volo”.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO... E ALTRI!!!
€2,99 per il 1° anno / 365 giorni / 300+ articoli
TKart Magazine
  • icone_icon-1-1 Multi dispositivo
  • icone_icon-2-1 Oltre 15 canali tematici
  • icone_icon-3-1 Ti abboni oggi e hai accesso anche a tutti i vecchi articoli
  • icone_icon-4-1 Continui aggiornamenti
  • icone_icon-5-1 Valido 365 giorni dall'attivazione
Dicono di noi
TKart Magazine
Registrati ora per un tour gratuito di 24 ore
*Campi richiesti

Your personal data will be used to support your experience throughout this website, to manage access to your account, and for other purposes described in our privacy policy.

Registrati, inserisci i dati della carta di credito e prova gratis TKART Magazine per 10 giorni

  • Non avrai alcun addebito fino al termine della prova gratuita
  • Interrompi la prova quando vuoi, senza impegno
Continua Annulla

JEAN ALESÌ