Magazine | Editoriale
Giancarlo tinini, l’uomo che ha fatto diventare grande max verstappen0%

GIANCARLO TININI: IL TALENTO DEL GIOVANE MAX

Tutti oggi conoscono il talento di Max Verstappen. Ma c’è stato un periodo, non così lontano, in cui erano ancora pochi ad aver intuito le potenzialità di un giovanissimo ragazzino. Il più convinto era Giancarlo Tinini, patron di quella CRG con cui Max ha corso i suoi migliori anni in kart.


"In realtà Max non è una mia scoperta! Chiunque non fosse stato cieco poteva vedere quanto andasse forte!. La prima volta che lo vidi fu ai test collettivi della WSK a Muro Leccese, nel 2009, mi pare. Mentre stava girando la KF3 (l’attuale OK-Junior n.d.r.) vidi questo pilotino andare fortissimo: non sapevo chi fosse, solo che usava un kart CRG e mi piaceva da matti come guidava”.

Bastò poco per incrociare lo sguardo di Jos Verstappen, vecchia conoscenza proprio della CRG e da tempo in ottimi rapporti con Tinini, per capire che la piccola saetta era il figlio dell’ex Formula 1. “Sono andato subito a parlare con lui e gli ho detto che, appena raggiunta l’età giusta, avrei voluto Max nella mia squadra. Poi, per fortuna, nel 2010 è cambiato il regolamento e Verstappen ha potuto anticipare l’ingresso in KF3 e venire a correre con noi. Nel frattempo, aveva continuato a gareggiare nella Mini Max del Benelux, e il mio rivenditore locale, CRG Holland, me ne parlava sempre bene. Per un anno gli abbiamo fornito il materiale per fare le sue gare, approfittandone anche per portare avanti dei test, visto che correva con il motore KF5, simile al KF3 ma limitato a 13 mila giri e con un carburatore da 20 mm. Poi, come detto, appena avuta la possibilità lo abbiamo preso con noi. Mi aspettavo andasse forte da subito, anche se sapevo non avrebbe potuto vincere alla prima gara. Invece... ci andò vicinissimo: alla Winter Cup di Lonato corse alla grande e arrivò secondo veramente per un nonnulla.
Tante volte mi hanno chiesto quale fosse la sua caratteristica principale. Per me, in assoluto, la padronanza del mezzo: anche con le gomme fredde, a inizio gara, lui al kart fa fare quello che vuole. Lo vedi subito, sono pochissimi i piloti capaci di fare la differenza nei primi due giri di gara. Uno di loro era senza dubbio Danilo Rossi, che non a caso ha vinto 5 mondiali. Altra caratteristica è la cattiveria agonistica, sicuramente ereditata dal dna paterno: Jos era il tipico ‘cagnaccio’, di quelli che nessuno vorrebbe avere come avversario. Max ha la stessa grinta e, rispetto a lui, secondo me è più veloce. Diciamo che è venuto fuori un bel mix da papà e mamma, Sophie Kumpen, anche lei ottimo pilota sia in kart sia in auto.
Inoltre, Max ha un’innata voglia di vincere, anche quando guida un kart a noleggio. In questo mi ricorda Hamilton, uno che voleva arrivare primo anche se si trattava di scendere le scale.
È inveitabile che, poi, quando questi piloti crescono, diventi il loro primo fan. Non tanto per il fatto che abbiano corso con te, quanto per il segno personale che, ognuno a suo modo, ti ha lasciato. Se tutto va come deve andare, Max è uno di quelli per cui, tra qualche anno, mi ritroverò a fare il tifo davanti alla televisione”.
Giancarlo Tinini non ha dovuto aspettare molto perché la sua previsione si avverasse.

Classe 1958, “scopre” il kart quando inizia a lavorare per Calogero Vanaria, titolare della Kalì Kart e papà di quella che presto diventerà sua moglie. Nel 1986 fonda la CRG insieme a Carlo e Roberto Vanaria (il nome deriva dalle loro iniziali: C, Carlo; R, Roberto; G Giancarlo).

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO... E ALTRI
€2,99 per il 1° anno / 365 giorni / 450+ articoli
TKart Magazine
  • icone_icon-1-1 Multi dispositivo
  • icone_icon-2-1 Oltre 15 canali tematici
  • icone_icon-3-1 Ti abboni oggi e hai accesso anche a tutti i vecchi articoli
  • icone_icon-4-1 Continui aggiornamenti
  • icone_icon-5-1 Valido 365 giorni dall'attivazione
Dicono di noi
TKart Magazine
Registrati ora per un tour gratuito di 24 ore
*Campi richiesti

Registrati, inserisci i dati della carta di credito e prova gratis TKART Magazine per 10 giorni

  • Non avrai alcun addebito fino al termine della prova gratuita
  • Interrompi la prova quando vuoi, senza impegno
Continue Cancel

JARNO TRULLI