TUTTO CIÒ CHE SERVE... PER SCENDERE IN PISTA CON IL KART SENZA INCONVENIENTI

INTRO

Andare in pista per una giornata in kart non è come uscire per andare a fare la spesa... E non è nemmeno come decidere di andare a giocare a tennis, dove bastano racchetta, palline e l’abbigliamento giusto per essere pronti. Per quanto l’obiettivo possa essere anche solo quello di divertirsi un po’, senza troppe velleità, bisogna essere preparati, organizzati e non lasciare nulla al caso. Si eviterà, così, di trasformare l’esperienza da una potenziale giornata di divertimento a un frustrante inseguimento di soluzioni a problemi che, con un minimo di preparazione, possono essere tutti facilmente evitati.

1 CON GLI AMICI È MEGLIO

Vuoi organizzare un’uscita in kart? Come prima mossa, prendi il telefono e coinvolgi un amico o, ancora meglio, metti insieme un gruppo di kartisti: essere almeno in due permette di aver un aiuto decisivo per la movimentazione del kart (metterlo e toglierlo dal carrello, avviarlo a spinta se non si tratta di un kart TaG...). Se siete in tanti, invece, il vantaggio sarà notevole anche dal punto di vista economico, potendo dividere le spese del materiale di consumo, dell’eventuale trasferta, e dei ricambi.

2 KART A POSTO

Il kart va preparato prima di scendere in pista. Si tratta pur sempre, infatti, di un mezzo da competizione, che richiede una certa manutenzione nell’arco dell’anno. Meglio evitare, quindi, specie se il tuo kart è fermo da un po’ di tempo, di andare a girare senza prima aver controllato che sia tutto in ordine. Eviterai spiacevoli sorprese che possono causare inutili perdite di tempo ai box.