Magazine | Come Fare a
7 consigli per andare in kart anche quando fa freddo0%

7
CONSIGLI PER... ANDARE IN KART ANCHE QUANDO FA FREDDO

INTRODUZIONE

L’inverno non è certo la stagione migliore per andare in kart: le giornate sono brevi, le temperature basse, l’asfalto gelato, i kartisti temerari pochi. Eppure, di fatto, a meno di condizioni “estreme” con piste innevate e ghiaccio in ogni dove, nulla vieta di rinunciare a mettere il kart in box e, invece, continuare a mettersi al volante. Sicuramente si troveranno le piste più libere e i paddock con tutto lo spazio che si vuole: condizioni che per qualche kartista potrebbero favorire il relax e il divertimento, facendo passare in secondo piano il fastidio per le mani congelate. Quello che non bisogna dimenticarsi, però, è che il freddo intenso non è la condizione ideale nella quale girare, né per il kart e tutti i suoi accessori, né per le gomme, né per il pilota. Se, dunque, si decide di scendere ugualmente in pista, è bene prendere qualche accorgimento per affrontare al meglio la situazione.

1 GOMME

Uno degli aspetti principali da considerare è quello delle gomme, dato che le ruote sono l’unica parte del kart a contatto con il terreno (freddo) e da loro dipende il grip. Girando in pista d’inverno è opportuno preoccuparsi che gli pneumatici raggiungano la corretta temperatura di esercizio, anche aumentando le pressione di gonfiaggio fino a 0,85 bar. Quando il kart è fermo si possono usare le termocoperte, ma sono accessori costosi, che ben pochi kartisti hanno e che, soprattutto, in gara sono vietate.

2 RADIATORE

Se l’aria è fredda è indispensabile coprire completamente il radiatore con la tendina in dotazione. Se questa non c’è, si può schermare la massa radiante con lo scotch. L’importante è limitare al minimo l’impatto dell’aria, in modo che il motore riesca a raggiungere la temperatura di esercizio corretta. Sicuramente importante anche montare nel circuito una valvola termostatica, che evita il passaggio dell’acqua attraverso il radiatore se la temperatura del motore è già bassa. Non bisogna mai usare, invece, liquido antigelo: è vietato.

3 MISCELA

Anche il carburante viene infastidito dal freddo, che porta alla formazione di condensa nella tanica. Per rimediare all’inconveniente si utilizza un imbuto a separazione per fare il pieno nel serbatoio. Dopodiché è bene agitare bene la tanica per miscelare al meglio olio e benzina.

4 FRENI

Detto dei “preparativi” da fare sul kart prima di scendere in pista, anche una volta al volante bisogna prendere qualche precauzione in più. Prima di iniziare a spingere, infatti, bisogna che tutto sia portato in temperatura, compresi i freni. Per farlo, bisogna scaldarli gradualmente durante i primi giri, senza eseguire staccate forzate ma frenando in maniera costante in modo da scaldare progressivamente i dischi dei freni.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO... E ALTRI!!!
€2,99 per il 1° anno / 365 giorni / 400+ articoli
TKart Magazine
  • icone_icon-1-1 Multi dispositivo
  • icone_icon-2-1 Oltre 15 canali tematici
  • icone_icon-3-1 Ti abboni oggi e hai accesso anche a tutti i vecchi articoli
  • icone_icon-4-1 Continui aggiornamenti
  • icone_icon-5-1 Valido 365 giorni dall'attivazione
Dicono di noi
TKart Magazine
Registrati ora per un tour gratuito di 24 ore
*Campi richiesti

Registrati, inserisci i dati della carta di credito e prova gratis TKART Magazine per 10 giorni

  • Non avrai alcun addebito fino al termine della prova gratuita
  • Interrompi la prova quando vuoi, senza impegno
Continua Annulla

COME SI COSTRUISCE UN KART RACING: DAL TELAIO AL PRODOTTO... “CHIAVI IN MANO”