In occasione del mondiale KZ di Wackersdorf la Mad-Croc di Armando Filini ha portato in pista un freno innovativo by EKS (la casa costruttrice di Giampaolo Masotto) per funzionamento e soluzioni adottate. I risultati sono stati subito positivi, in termini di feedback da parte dei piloti e per quanto riguarda le performance, considerato il terzo posto finale ottenuto da Ben Hanley in finale.
L’impianto si caratterizza rispetto agli altri impianti in commercio soprattutto per quanto riguarda le soluzioni scelte nella progettazione e realizzazione della pompa freno, sia per gli impianti dedicati ai kart a marce sia per quelli monomarcia.

La pompa, infatti, è montata su snodi che le permettono di allinearsi verticalmente e orizzontalmente perfettamente con il tirante del pedale. Il tirante agisce direttamente sulle aste dei pompanti in uscita dalla pompa senza l’uso di leve o rimandi.

Questo ha permesso “una frenata molto modulabile e sempre perfettamente ripartita tra anteriore e posteriore, nel caso dei kart KZ”, ci racconta Armando Filini.

Maggiori informazioni sull’impianto frenante saranno disponibili prossimamente all’interno del “Sotto esame” che abbiamo in programma di realizzare relativamente ai modelli di nuova omologa Mad-Croc.