WSK Super Master Series, Adria: qualifiche – Pole position per Bedrin (OK), Badoer (OKJ), Matveev (Mini)

Sul circuito di Adria, Round 1 della WSK Super Master Series, la serie di riferimento da ormai oltre 10 anni allo start della stagione agonistica internazionale.

Temperature meno rigide rispetto allo scorso weekend accolgono gli oltre 230 piloti che, divisi in tre categorie (Mini, OKJ e OK), sono scesi in pista oggi per le prove di qualificazione e le prime manche eliminatorie sul circuito di Adria, nel round di apertura della WSK Super Master Series.

Le manche continueranno per tutta la giornata di sabato, mentre domenica sarà tempo di prefinali e finali.

OK: imprendibile Nikita Bedrin

Pneumatici: Bridgestone
Nikita Bedrin (Ward Racing – Tony Kart / Vortex)
  • Nikita Bedrin (Ward Racing – Tony Kart / Vortex), primo gruppo, sorprende tutti con un tempo inavvicinabile: con il suo 48.780, il russo rimarrà infatti l’unico a scendere sotto il muro dei 49”. Dopo una finale di Champions Cup non all’altezza delle sue qualità, Nikita Bedrin sembra aver fatto i compiti a casa.
  • Enzo Trulli (KR Motorsport – KR / IAME) comincia alla grande la sua prima stagione in OK agguantando la seconda posizione davanti al pilota forse più atteso del week-end, Andrea Kimi Antonelli (KR Motorsport – KR / IAME) che dopo la Pole stellare della scorsa settimana deve oggi accontentarsi del terzo posto.
  • Dietro ai primi tre si accoda Dilano Van’T Hoff (Forza Racing – Exprit / TM Racing), uno dei grandi delusi dello scorso fine-settimana quando è stato costretto a ritirarsi a causa di un contatto mentre era in testa alla Pre Finale.
  • Dal quinto posto in giù troviamo poi tutti i protagonisti della Champions Cup: Kirill Smal (Energy Corse / TM Racing), 5°, Harry Thompson (Sauber Karting Team – KR / IAME), 6°, e Robert De Haan (Energy Corse / TM Racing), 8°. Solo 9°, invece,  il vincitore della settimana scorsa Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy – KR / IAME) che precede Tereza Babickova (Skrivan Skylarks – Tony Kart / Vortex)
  • Delude anche il campione del mondo in carica della OKJ Thomas Ten Brinke (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic / Vortex), tra i pretendenti alla vittoria domenica scorsa fino al pasticcio con Dilano Van’T Hoff. L’olandese oggi non va oltre la 14° posizione.
  • Sempre parlando di campioni del mondo, Lorenzo Travisanutto ( Tony kart Racing Team – Tony kart / Vortex), 16°, e Pedro Hiltbrand ( Tony kart Racing Team – Tony kart / Vortex), 36°, sono sicuramente autori di una prestazione decisamente sotto le aspettative in qualifica, preceduti nella graduatoria finale dal loro compagno di squadra Joseph Turney.

OKJ: Brando Badoer bissa la pole della Champions Cup

Pneumatici: Vega
Brando Badoer (KR Motorsport – KR / Iame)

 

  • Brando Badoer (KR Motorsport – KR / Iame) replica la pole position di 7 gg prima nella WSK Champions Cup. L’italiano dimostra ancora una volta di gradire particolarmente il circuito di Adria e di essere a questo punto imbattibile nel giro secco.
  • A seguire, troviamo piloti che era lecito aspettarsi nella zona alta della classifica considerato quanto visto sia nelle prove libere del mattino sia lo scorso weekend. Parliamo del polacco Tymoteusz Kucharczyk (Briel Art Racing – RK / TM Racing) e del pilota di Singapore Christian Ho (Sauber Karting Team – KR / Iame), già a podio alla Champions Cup. Sono rispettivamente secondo e terzo.
  • Ben piazzati anche altri nomi che era lecito aspettarci al top visto l’esperienza e le performance già dimostrate nella categoria: l’americano Ugo Ugochukwu (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic / Vortex), 5°, Arvid Lindblad (KR Motorsport – KR / Iame), 6°, Artem Severiukhin (Ward Racing – Tony Kart / Vortex), 8°, Maxwell Dodds (Forza Racing – Exprit / TM Racing), 9°, Tuukka Taponen (Kohtala Sports – Redspeed / Iame), 10°.
  • Bene, all’esordio stagionale, un altro polacco, Karol Pasiewicz (Tony Kart Racing Team – Tony Kart / Vortex) che chiude al 4° posto assoluto e un francese, Evan Giltaire (Sodikart – Sorikart / TM Racing). Entrambi pur non avendo partecipato al primo evento dell’anno, la WSK Champions Cup, sono subito al top.
  • Non brilla il vincitore della WSK Champions Cup, Alfio Spina (KR Motorsport – KR / Iame): è 17° nella classifica generale e 6° nel suo gruppo. Così come inferiore alle aspettative è il risultato di Igor Cepil (KR Motorsport – KR / Iame). Il pilota ceco aveva ben figurato nelle libere ma finisce addirittura 48° nella generale.

MINI: Matveev sale in cattedra nelle qualifiche

Pneumatici: Vega
Dmitry Matveev (Energy Corse – Eneegy Corse / TM Racing)
  • Soddisfazione doppia per il russo Dmitry Matveev (Energy Corse – Eneegy Corse / TM Racing): oltre a prendersi la pole position del gruppo 2 risulta essere il più veloce in assoluto ma soprattutto si piazza davanti al fresco poleman della WSK Champions Cup, Maciej Gladysz (Parolin Racing Kart – Parolin / TM Racing), secondo.
  • Seguono, dalla terza alla decima posizione: Marcus Saeter (Revolution Motorsport – Energy Corse / TM Racing), Jan Przyrowsky (AV Racing – Parolin / TM Racing), il vincitore della WSK Champions Cup Anatoly Khavalkin (Parolin Racing Kart – Parolin / TM Racing), Alp Aksoy (Baby Race Driver Academy – Parolin / TM Racing)Jimmy Elias (Tony Kart Racing Team – Tony Kart / Vortex), Guillaume Bouzar (Parolin Racing Kart – Parolin / TM Racing), Valerio Proietti (Giugliano Kart – KR / Iame), Enzo Tarnvanichkul (Parolin Racing Kart – Parolin / TM Racing).
  • Da segnalare l’ottimo esordio di Kai Sorensen (Tony Kart Racing  Team – Tony Kart / Vorte). L’americano, già vincitore della Skusa e della fnale ROK the Rio negli Stati Uniti, si piazza 15° assoluto.
  • Un po’ sotto tono uno dei veterani della categoria, Rashid Al Dhaheri (Parolin Racing Kart – Parolin / TM Racing) che chiude 22° assoluto. Il pilota degli Emirati Arabi, però, lo scorso weekend ha dimostrato di saper rimontare nel corso di manche e finale.

©Photo: Sportinphoto