WSK CHAMPIONS CUP: RICHARD VERSCHOOR TRIONFA IN KF

WSK CHAMPIONS CUP: RICHARD VERSCHOOR TRIONFA IN KF

HOT NEWS – TKART – MURO LECCESE (ITALIA) – Richard Verschoor vince una gara folle – causa meteo impazzito – all’esordio in KF.

**AGGIORNAMENTO**

Il testo a seguire è privo dell’esclusione del terzo classificato sul traguardo, Casper Andersen Roes, in seguito alla decisione dei commissari sportivi che hanno ravvisato delle modifiche sul suo kart durante le fasi di cambio gomme da slick a rain. L’esclusione del pilota del team Ricky Flynn Motoraport ha permesso a Emil Skaras (Tony Kart/Vortex) del team Ward Racing di salire sul terzo gradino del podio.

 

Sembrava la gara di Nicklas Nielsen (Tony Kart/Vortex). Sua la pole position dopo manche e prefinale e sua la prima posizione dopo sette giri delle finale. Peccato che a un certo punto arrivi la pioggia. Ma non una pioggia normale, un vero e proprio acquazzone. La direzione gara è costretta a dare bandiera rossa: tutti a parco chiuso per montare le rain. Solo questo è consentito. Ovviamente in parco chiuso si scatena il delirio con tutti i meccanici intenti a fare più presto possibile e i commissari tecnici intenti a controllare che nessuno cambi nient’altro che le gomme. Si rientra in pista con la griglia di partenza (che sarà lanciata) che vede Nielsen, Verschoor (Exprit/Vortex), Karol Basz (Kosmic/Vortex) e Max Fewtrell (FA Kart/Vortex) nelle prime quattro posizioni.

E qui la corsa più pazza del mondo regala una nuova sorpresa: al momento di pigiare sul bottone che mette in moto il motore, il Vortex di Nielsen non si avvia, così il danese viene spinto in pregriglia e, nonostante riesca poi a partire, la sua gara e formalmente finita. Un brutto epilogo per colui che era risultato essere il dominatore del weekend fino a questo momento.Ma le sorprese non sono finite, perché dopo un paio di giri in regime di slow, al momento di pigiare sul pedale del gas, anche Karol Basz è fuori perché il suo motore si ammutolisce (forse dell’acqua nel motore?).

Così La classifica vede Verschoor, neo acquisto del team RB Racing, in testa, seguito da Max Fewtrell (FA Kart/Vortex), da uno strabiliante Juan Correa (Energy/TM) e da Casper Andersen Roes (FA Kart/Vortex), Rokas Baciuska (Energy/TM), Lorenzo Travisanutto (PRC/TM) ed Egor Stupenkov (Tony Kart/Vortex).

Per Fewtrel e Correa il finale non sarà dolce. L’inglese concluderà quarto dopo aver seguito da molto vicino il vincitore, ma verrà anche escluso per aver modificato l’assetto a parco chiuso durante il cambio gomme. Correa, invece, finisce lungo alla curva uno, vittima della troppa pioggia sul tracciato.

La porta del podio è quindi aperta per Roes e Stupenkov, con quest’ultimo che risale a ritmo infernale e proprio all’ultimo giro si piazza alle spalle del leader, prova anche il sorpasso, ma poi deve arrendersi alla guida perfetta di Verschoor che non commette neanche una sbavatura alla sua prima gara in KF, in condizioni veramente al limite. Chiudono quarto e quindi rispettivamente Emil Skaras (Tony Kart/Vortex) e Francois Becamel (Kosmic/Parilla), autori di ottime rimonte: 9 posizioni guadagnate rispetto alla griglia di partenza per il pilota del team Ward Racing e ben 16 quelle per il portacolori del team VDK.

Per vedere l’ordine d’arrivo completo della finale della KF cliccate qui.