WSK Champions Cup, Adria: Ten Brinke (OK), Lindblad (OKJ) e Gladysz (MINI) al comando al termine delle Qualifying Heats

Il verdetto delle Qualifying Heats andate in scena all'Adria Karting Raceway: in OK, Thomas Ten Brinke la spunta su Taylor Barnard , Arvid Lindblad guida di un solo punto su Brando Badoer in OKJ, Maciej Gladysz è al comando in MINI seguito da Anatoly Khavalkin.

Non sono mancate le sorprese nella giornata appena terminata all’Adria Karting Raceway dove con le Qualifying Heats di oggi si è delineata la griglia di partenza delle Pre Finali in programma Domenica.
Innanzitutto, la pioggia caduta durante la notte ha complicato la vita ai piloti per tutto il giorno poiché il cielo coperto non ha mai permesso all’asfalto di asciugarsi completamente.
Il maltempo, comunque, non è stato l’unico elemento che ha caratterizzato la giornata visto che la notizia che ha tenuto banco è stata l’assenza di Andrea Kimi Antonelli, fuorigioco, pare, per febbre. L’italiano dovrebbe provare a scendere in pista domani, ma intanto ha perso l’opportunità di capitalizzare il suo ottimo inizio di fine settimana.
Della sua assenza ne ha approfittato Thomas Ten Brinke (Kosmic/Vortex), in testa alla graduatoria OK davanti a Taylor Barnard (KR/IAME) e Dilano Vant Hoff (Exprit/TM Racing). In OKJ Arvid Lindblad (KR/IAME) supera di misura Brando Badoer (KR/IAME) e il suo compagno Alfio Spina(KR/IAME). In MINI, Maciej Gladysz (Parolin/TM Racing) termina in testa con tre vittorie, una in più di Anatoly Khavalkin (Parolin/TM Racing) secondo.

OK:Thomas Ten Brinke al comando nonostante la superiorità di Taylor Barnard

Giunto secondo dietro ad Andrea Kimi Antonelli nella Manche disputata ieri, Taylor Barnard fa registrare un altro secondo posto anche nella Heat BD di questa mattina, dopo che una penalità di 5 secondi inflittagli per il musetto fuori posizione consegna la vittoria a Laurens Van Hoepen (KR/IAME), poi quarto a fine giornata grazie a un altro secondo posto. All’inglese non basta la vittoria di oltre dieci secondi ottenuta nell’ultima batteria di giornata per concludere in prima posizione, occupata invece da Thomas Ten Brinke. Il danese, partirà dalla pole nella Pre Finale di domani grazie alla vittoria ottenuta ieri e questa mattina, sempre perchè una penalità ha privato Nikita Bedrin (Tony Kart/Vortex) del primo posto. La terza posizione è occupata da Dilano Vant Hoff, mentre Bedrin conclude le Qualifying Heats al quinto posto.
Al sesto posto troviamo Harry Thompson (KR/IAME), con i suoi due terzi posti, frutto entrambi di una rimonta di 19 posizioni, è sicuramente da annoverare nell’elenco dei piloti che hanno animato questa giornata. Tra questi bisogna ricordare anche Josep Maria Martì (KR/IAME,) decimo dopo un secondo posto ottenuto partendo dalla ventesima posizione, e anche James Wharton (Parolin/TM Racing), settimo subito dietro a Thompson.

OKJ: Arvid Lindblad comanda con 2 vittorie


Arvid Lindblad fa valere le sue due vittorie nel computo della graduatoria finale della OKJ che lo vede al comando di un solo punto sui due piloti del team Cetilar, Brando Badoer e Alfio Spina. Lindblad è bravo a farsi largo nelle partenze e guadagnare posizioni, che gli consentono di scavalcare l’autore della Pole Position Brando Badoer, uno dei piloti più costanti con un primo e tre secondi posti. Alfio Spina fa meglio del compagno in quanto a vittorie (due), ma un quarto posto dopo una penalità e il terzo messo a segno venerdì lo relegano in terza posizione a un punto da Badoer.
3 secondi posti consentono a Martinius Stenshorne (KR/IAME) di risalire dall’ottava alla quarta posizione, seguito da Miron Pingasov (KR/IAME) che ne recupera sei.
In top ten anche quattro piloti che hanno portato a termine alcun delle rimonte più impressionanti: Robert De Haan (Energy Corse/TM Racing) è settimo dopo aver anche vinto una manche grazie a uno scatto fulmineo allo start, mentre Cristian Bertuca (Birel ART/TM Racing) termina ottavo grazie a un secondo, un terzo e un quarto, rimediando così al trentesimo posto ottenuto in qualifica. Christian Ho (KR/IAME) e Freddie Slater (Kosmic/Vortex), all’esordio in OK-Junior ma già protagonista di duelli al limite, recuperano entrambi 12 posizioni riuscendo a entrare nella top 10.

MINI: Maciej Gladysz mantiene la leadership


Maciej Gladysz sfrutta al meglio la Pole Position ottenuta ieri e riesce a imporsi sugli avversari con tre vittorie. Il polacco è stato a comando anche della sua quarta manche di giornata, ma Gerasim Skulanov(IPK/TM Racing) gli impedisce di fare filotto concludendo con una vittoria la sua rimonta di 7 posizioni. Al secondo posto troviamo Anatoly Khavalkin, autore oggi di due vittorie e di un terzo posto, ottenuto nella batteria in cui ha incrociato il leader Maciej Gladysz.
Grazie a una vittoria, Dmitry Matveev(Energy Corse/TM Racing) migliora la propria posizione portandosi al terzo posto, ma i recuperi più importanti li firmano Rashid Al Dhaheri (Parolin/TM Racing), sesto con 18 posizioni recuperate e Yaroslav Trukhin(Energy Corse/TM Racing) che ne recupera ben 53 per chiudere ottavo.
Le altre vittorie di giornata se le sono aggiudicate Cui Yuampu(Tony Kart/TM Racing), Rene Lammers (Parolin/TM Racing), e Kean Nakamura Berta(KR/IAME).

Il programma della giornata domani prevede due Pre Finali per ogni categoria, seguite dalle Finali B per la Mini e la OKJ. Le Finali prenderanno il via nel pomeriggio e saranno trasmesse in diretta streaming, come le gare della mattina, su www.wskarting.it.

ph Sportinphoto