WSK Champions Cup, Adria: Finale OKJ – Solida vittoria di Rashid Al Dhaheri

Il pilota di Parolin Motorsport non molla mai la presa, vincendo davanti a Kean Nakamura Berta grazie a un ottimo margine. Harley Keeble completa il podio della categoria.

Pneumatici: Vega


  • È Rashid Al Dhaheri (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing) a conquistare la WSK Champions Cup ad Adria nella categoria OKJ. Il pilota degli Emirati Arabi Uniti parte dalla pole position, stacca fin dai primi giri i propri inseguitori e termina con oltre un secondo di vantaggio sul secondo classificato.
  • Si posiziona alle spalle del vincitore l’esordiente Kean Berta Nakamura (Forza Racing – Exprit – TM Racing), risalito di ben tre posizioni rispetto alla posizione originale di partenza. Il giapponese si fa largo nelle prime tornate, agguanta il secondo posto ma non riesce a recuperare Al Dhaheri.
  • Harley Keeble (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex) perde diverse posizioni al via, complice anche lo start in prima fila ma all’esterno. Il britannico non si scoraggia: passa prima Gustaw Wisniewski (Sauber Orlen Karting Team – KR – IAME), poi attacca a metà gara Maksim Orlov (Parolin Motorsport – Parolin – TM Racing) e Maksimilian Popov (Ward Racing – Tony Kart – Vortex). Nakamura è troppo lontano per essere raggiunto e Keeble raccoglie, tutto sommato, un buon terzo posto.
  • Popov (quarto) e Orlov (quinto) terminano entrambi con oltre quattro secondi di ritardo da Al Dhaheri, a distanza di un decimo l’uno dall’altro. Dietro di loro, con sei posizioni guadagnate, troviamo l’ottimo rookie Dmitry Matveev (KR Motorsport – KR – IAME) e Sonny Smith (Sauber Orlen Karting Team – KR – IAME).
  • Discreta prestazione per Freddie Slater (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic – Vortex). Il campione del mondo aveva rimediato alle sfortunate heat con un terzo posto nella Prefinale B, ma nella Finale non va oltre un ottavo posto. Wisniewski cala il ritmo nell’ultima parte di corsa ed è nono, mentre James Egozi (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex) centra la top ten.
  • Maxim Rehm (Ricky Flynn Motorsport – Kosmic – Vortex) non è in finale a causa di una penalità per il musetto anteriore nella Prefinale B, nonostante il record nel primo settore. Incidente invece per Lucas Fluxa (KidiX – KR – IAME) nella partenza della stessa prefinale del tedesco: lo spagnolo è scattato dal secondo posto sulla griglia di partenza ma, chiudendo subito all’interno, ha colpito un altro rivale, finendo sul muretto esterno del rettilineo. Cosciente ma rimasto sdraiato a terra, Fluxa è stato messo in barella e portato all’ospedale: nessun aggiornamento (per ora) sulle sue condizioni di salute.

Risultati