Vecchie rivalità infiammano nuovamente la WSK

KZ2: Palomba domina a Lonato

Giuseppe Palomba (Birel ART / TM Racing / Bridg) non ha avuto rivali oggi durante le due manches nella classe KZ2. L’italiano è stato al comando dall’inizio alla fine di entrambe le manches mentre, per il secondo posto, la battaglia è stata tra Giacomo Pollini (Formula K / TM Racing / Bridg) e Stan Pex (KR / TM Racing / Bridg), con Pollini che è arrivato secondo in manche 2 mentre Pex secondo in manche 3.

OK: Smal contro Barnard, una lotta intensa

Lo scontro si fa intenso in OK, specialmente con la battaglia tra Taylor Barnard (KR / Iame / Bridg) e Kirill Smal (Tony Kart / Vortex / Bridg). Nella Heat A-C e A-D, entrambi i piloti hanno lottato per la vittoria, ma Smal ha deciso di mantenere la posizione e finire al secondo posto.

Nel frattempo, nelle manches B-D, la lotta è stata tra Joe Turney (Tony Kart / Vortex / Bridg) e Pedro Hiltbrand (Tony Kart / Vortex / Bridg). Turney, partito dalla pole, è riuscito a vincere entrambe le gare mentre Hiltbrand è risalito dal quarto fino secondo posto, proprio dietro al suo compagno di squadra nel Tony Kart Racing Team.

Domani, i piloti che partiranno dalla pole per le prefinali sono di Ward Racing, con Kirill Smal che partirà per primo nella prefinale A, mentre Norton Andreasson (Tony Kart / Vortex / Bridg), che è tornato nella squadra svedese, scatterà dalla pole nella prefinale B.

OKJ: Antonelli e Bedrin, un duello classico per la corona di Lonato

Allo stesso modo della OK e delle ultime due gare WSK in questa pista, la battaglia per la vittoria finale di domani sembra essere un affare tra Andrea Kimi Antonelli (KR / Iame / Vega) e Nikita Bedrin (Tony Kart / Vortex / Vega).

Antonelli ha vinto in tutte le manches e partirà dalla pole position nella prefinale A, mentre Nikita Bedrin farà lo stesso per la prefinale B: il russo è stato inavvicinabile in tutte le manches tranne quando si è trattato di dover fronteggiare Antonelli.

Il compagno di squadra di Bedrin, Harley Keeble (Tony Kart / Vortex / Vega), ha compiuto una delle rimonte più incredibili della giornata con ben 17 posizioni guadagnate nella Heat C-D per finire in P8. La vittoria è andata ad Arvid Lindblad (KR / Iame / Vega).

Lindblad e Antonelli non sono stati gli unici mattatori di KR Motorsport in quanto Martinius Stenshorne (KR / Iame / Vega) ha dato del filo da torcere all’inglese nella Heat DE, e anche Alfio Spina (KR / Iame / Vega) ha mostrato un buon ritmo finendo dietro Antonelli nella batteria C-D.

La giornata di oggi è stata caratterizzata anche da parecchi incidenti. Nella Heat AB, Miron Pingasov (FA Kart / Iame / Vega) insieme a Konstantin Krapin (Tony Kart / Vortex / Vega), Tasanapol Inthrapuvasak (KR / Iame / Vega), Alessandro Cendese (KR / Iame / Vega), Jokubas Bagdonavicius ( Tony Kart / Vortex / Vega) e Mario Pirvulescu (Tony Kart / Vortex / Vega) sono stati coinvolti in una carambola al primo giro da cui fortunatamente sono usciti indenni.

MINI: Al Dhaheri si conferma in mezzo a tanti pretendenti

Rashid Al Dhaheri (Parolin / TM Racing / Vega) continua a dimostrare di essere l’uomo da battere in Mini, vincendo le manches D-E e C-E con il suo Parolin Racing Kart.

L’altro protagonista della giornata è stato Oleksander Bondarev (Tony Kart / TM Racing / Vega) che ha battuto Nikola Tsolov (Parolin / TM Racing / Vega) e Anatoly Khavalkin (Parolin / TM Racing / Vega) durante la bandiera A-D.

Tsolov, nonostante abbia vinto ieri oggi, non è stato in grado di mantenersi sugli stessi livelli e altri piloti sono riusciti ad approfittarne.

Kiano Blum (Parolin / TM Racing / Vega) ha continuato a stupire tutti con le vittorie nelle Heats BC e AC, mentre l’altra vittoria è finita nelle mani di Enzo Tarnvanichkul (Parolin / TM Racing / Vega) e Jan Przyrowsky (Parolin / TM Racing / Vega) infiamma le BE e BF.

Lo schieramento della classe Mini sarà delineato al termine delle ultime batterie che precederanno le prefinali.

Immagini di Sportinphoto