I piloti Sodi attaccano duramente ad Adria

[tradotto con google traduttore]

Già vincitore nella sua ultima gara del 2017 in Spagna, Alex Irlando ha continuato la sua striscia vincente per l’apertura della stagione internazionale. Il campione italiano è il leader della KZ2 nella WSK Super Master Series dopo aver brillantemente vinto la Adria Final. È seguito da vicino dalla promessa francese Adrien Renaudin del team CPB Sport. Sodi ha iniziato lo sviluppo delle sue apparecchiature OK in una prima serie molto incoraggiante.

Sodikart è pronto a succedere enfatizzando costantemente la sua presa sulla competizione internazionale. La ricerca del successo incarnata dal Sodi Racing Team è accompagnata da una sempre più forte distribuzione del telaio Sodi nel mondo delle corse. Le prestazioni parlano da sole nel settore e la reputazione del marchio francese continua a crescere. Inoltre, la collaborazione con TM Racing contribuisce efficacemente ai buoni risultati per Sodi.

L’evento di Adria è stato caratterizzato da un clima molto freddo e da una pioggia insistente fino a sabato sera. La pista si è asciugata rapidamente la domenica con una serie di condizioni di aderenza, da un estremo all’altro.

Nella categoria KZ2, il successo di Alex Irlando è ancora più convincente considerando che il compagno di squadra Anthony Abbasse è stato il suo rivale insieme agli altri formidabili concorrenti. Partendo da un lontano 18 ° in qualifica, Alex ha dimostrato di poter fare una buona rimonta nella fredda pioggia di sabato. Aveva già raggiunto il 2 ° posto in Prefinale nella mattinata di domenica su una pista asciutta, prima di riuscire con una corsa libera nella parte anteriore della Finale. Abbasse ha avuto un vero trionfo sotto la pioggia, ma è stato ostacolato nelle fasi finali a causa di due penalità allo spoiler. Aveva anche avuto molto da fare nella giovane Adrien Renaudin, a suo agio sotto la pioggia e sotto il sole. Un avversario difficile nonostante la sua breve esperienza, Adrien ha dimostrato il potenziale delle attrezzature Sodi utilizzate da un team privato come CPB Sport. Vincitore in Prefinale, ha ottenuto il 3 ° posto nell’ultimo giro contro Abbasse, per poi lottare per il 2 ° posto. Il suo compagno di squadra Tom Leuillet ha ottenuto un’ottima pole position nelle sessioni di qualifica, ma i progressi della riunione gli hanno procurato molti problemi. Allo stesso tempo, Jean Nomblot e Hugo Arnaud hanno appreso molto sulla concorrenza internazionale in KZ2 con molto entusiasmo.

L’altro focus del fine settimana è stato lo sviluppo iniziale del Sodikart OK con Tom Joyner e Vincent Fraisse alla guida. Il francese ha sfidato il meglio sotto la pioggia, dopo il sesto miglior tempo in qualifica e vincitore di una manche di qualifica, mentre il britannico, tornato dopo un lungo periodo di recupero, è salito molto efficacemente nelle fasi finali sull’asciutto dopo aver incontrato problemi durante le qualifiche con una 53esima volta. Hanno concluso 15 ° e 16 ° posto nella competizione con un record molto incoraggiante e una serie di lezioni da apprendere per la prossima gara, la famosa Winter Cup. Il circuito di Lonato dovrebbe anche vedere un gran numero di telai Sodi all’inizio.