I vincitori della 24 Hours Karting di Adria sono BAC-PKI (PRO) e il team Allianz (SILVER)

I vincitori della 24 Hours Karting di Adria sono BAC-PKI (PRO) e il team Allianz (SILVER)

È stata un’edizione fantastica della 24 Hours Karting of Italy quella disputata sulla pista di Adria il 17 e 18 Ottobre. Nonostante le restrizioni per il Covid, che hanno impedito ai team stranieri di viaggiare in Italia, 29 squadre si sono sfidate in pista offrendo uno spettacolo eccezionale. Il team BAC-PKI composto da Denis Furlan, Andrea Rocco, Fabiano Bottosso, Marco Bortoluzzi, Andrea Riva, Riccardo Melas e Carlo Alberto Cappello ha vinto con merito e un buon vantaggio l’edizione 2020 coprendo 1266 giri in 24 ore, ma per il 2° e 4° posto si è assistito a due arrivi al fotofinish, un fatto molto raro per una gara di 24 ore, che testimonia il grande equilibrio tra team e i kart in pista. Per il 2° posto il team Pomposa Dream Team ha preceduto di soli 128 millesimi Orza Group / Lorenz Petronas, mentre Zena Karting ha conquistato la 4ª posizione per 511 millesimi sul Team Thunderbolt. A seguire, ottimo 6° posto per il team RKS, che ha preceduto la squadra francese NTKart. In 8ª posizione assoluta si è classificata la squadra Allianz (Ambrogio Canavesi, Matteo Marini, Federico Zanette, Sebastiano Galiazzo, Federico Gargano, Carlo Pasquino and Gabriele Gargano), vincitrice della speciale graduatoria Silver davanti al Prost Racing Team e Bolza Corse. In top ten nella classifica assoluta hanno concluso anche il team Volmar e il Gas RT, rispettivamente 9° e 10° in classifica. Dal punto di vista sportivo, va detto di un problema tecnico al motore che ha costretto fuori dalla top ten il team DMS, così come durante la notte alcuni inconvenienti hanno rallentato le squadre Nutria Miout, rispettivamente 11ª e 12ª sotto alla bandiera a scacchi. Ha preso parte all’evento anche la squadra Next Gen, che ha raccolto fondi a supporto di Unicef e ha visto al volante, tra gli altri, Davide Valsecchi Vicky Piria.

Dal punto di vista organizzativo, la “classica” del karting Endurance promossa da CRG si è confermata uno degli eventi di riferimento a livello internazionale. I kart CRG Centurion sono stati come di consueto affidabili e molto equilibrati nelle prestazioni, come dimostrano gli arrivi al fotofinish e i distacchi minimi in qualifica. Ma soprattutto hanno ricevuto grandi apprezzamenti dai piloti per il feeling che garantiscono alla guida. Anche la macchina organizzativa dell’evento si è confermata eccellente, così come la pista di Adria, probabilmente la location migliore al mondo per un evento così impegnativo, grazie alle strutture logistiche eccezionali che può offrire ai team.

Un grande successo, come lo scorso anno, l’ha riscontrato anche la lunga diretta streaming dell’evento, che ha avuto migliaia di spettatori e di condivisioni sui canali social. Il bilancio complessivo per CRG è stato ancora una volta molto positivo, nonostante l’assenza di molti team stranieri e le ovvie restrizioni di sicurezza che, per esempio, hanno impedito di svolgere la tradizionale “Drivers Parade”. Va detto, a questo proposito, che tutti i team hanno collaborato in modo costruttivo con l’organizzazione per rispettare tutti i criteri di sicurezza nel paddock e nelle aree comuni, oltre ad aver avuto un comportamento esemplare anche in pista, dove la direzione gara ha dovuto infliggere solo 3 stop and go.

La 24 Hours Karting of Italy è stata già confermata anche per il 2021 sul circuito di Adria e a breve sarà ufficializzata la data.

Classifiche complete su: www.youcrono.it
Fotografo ufficiale: Ennio Brigatti (brigatti@visual-graficaecomunicazione.it)