FIA World Champs: Renaudin (KZ), Denner (KZ2) ottengono la pole position

Il FIA Karting World Championship KZ e KZ2 in corso al South Garda Karting di Lonato (Italia) ha preso il via con qualifiche molto intense in entrambe le categorie: I piloti Sodi Adrien Renaudin e Emilien Denner hanno ottenuto la pole in KZ e KZ2 mentre Kajus Siksnelis è stato il più veloce nell’ Academy Trophy

KZ: Renaudin in Pole dopo qualifiche tiratissime

La qualifica KZ è stata una delle battaglie più intense andate in scena oggi in pista.

Nel primo gruppo, nonostante la concorrenza agguerrita, Marijn Kremers (Birel Art / TM Racing / B’stone) è stato il più veloce con un tempo sul giro di 46.244, seguito dal compagno di squadra Riccardo Longhi (Birel ART / TM Racing / B’stone) e Stan Pex (KR / TM Racing / B’stone), che hanno entrambi fermato il cronometro esattamente sullo stesso tempo.

Ma il giro di Kremers è stato migliorato nel secondo gruppo, dove Adrien Renaudin (Sodi / TM Racing / B’stone) era veramente in stato di grazia. Il francese ha continuato a ritoccare il suo best-lap per tutta la sessione e ha lottato per la pole position principalmente con Alessandro Irlando (Birel Art / TM Racing / B’stone) e Simo Puhakka (Tony Kart / Vortex / B’stone).

Ma alla fine, è Renaudin a spuntarla con un tempo sul giro di 46.104 secondi, seguito da Irlando che ha fatto registrare 46.151 secondi. Kremers ha mantenuto il terzo posto davanti a Puhakka di 0,004 secondi. Mirko Torsellini (KR / Iame / B’stone) completa la top 5 a soli 0,15 secondi da Renaudin.

 

 

KZ2: Hammer Time per Emilien Denner

La qualifica della classe KZ2 si è svolta su quattro gruppi. Nel primo di questi, è David Trefilovs (Maranello / TM Racing / B’stone) il primo a rompere gli indugi. Si è anche scatenata un’intensa sfida per la migliore posizione in griglia anche tra David Vidales (Tony Kart / Vortex / B’stone) e Jean Nomblot (Sodi / TM Racing / B’stone), ma all’ultimo momento, Thomas Landais (Sodi / TM Racing / B’stone), utilizzando la scia di Nomblot, ha segnato il giro più veloce, migliorato poi da Giacomo Pollini (Formula K / TM Racing / B’stone).

Il suo tempo 46.252 secondi era quello da battere per i piloti del secondo gruppo. In questa serie, è stato il Emilien Denner (Sodi / TM Racing / B’stone) a dominare e a battere il giro di Pollini ottenendo la pole provvisoria con un tempo di 46.185 secondi. Autori di un buon crono, anche Emil Skaras (Energy Corse / TM Racing / B’stone) e Danilo Albanese (Tony Kart / Vortex / B’stone).

Il tempo sul giro di Denner si è rivelato impossibile da battere per i gruppi successivi. Solo il più giovane Senna Van Walstijn (KR / TM Racing / B’stone) è stato in grado di fare un giro da top10, con l’olandese che ha chiuso un decimo dietro Denner.

 

 

ACADEMY: Siksnelis è il pilota del momento

Per quanto riguarda l’Academy Trophy, Maxwell Dodds (Exprit / Vortex / B’stone) si è classificato in pole position provvisoria nel primo gruppo con un lap-time di 50.285 secondi. Il pilota britannico ha preceduto Jacob Douglas (Exprit / Vortex / B’stone) e il contendente al campionato Robert De Haan (Exprit / Vortex / B’stone).

Ma nonostante il grande giro di Dodds, Kajus Siksnelis (Exprit / Vortex / B’stone) e Christian Ho (Exprit / Vortex / B’stone) hanno battuto il tempo sul giro del britannico per siglare , rispettivamente, il primo e il secondo miglior tempo della graduatoria combinata delle qualifiche. Il pilota lituano è il migliore con un tempo di 50.133 secondi.

PH: Sportinphoto