FIA Karting World Championship, Portimao, Finale OK: capolavoro di Callum Bradshaw

L’inglese è imprendibile sotto la pioggia, persino per i suoi compagni si squadra Joseph Turney e Pedro Hiltbrand che completano un podio tutto Tony Kart.

Gomme: Le Cont

  • Al termine di una gara semplicemente perfetta, Callum Bradshaw (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex) si aggiudica il titolo di Campione del Mondo 2020 della categoria OK. Esattamente come successo prima che la gara venisse interrotta dopo poco più di un giro a causa di un incidente, a Bradshaw bastano poche curve per conquistare il comando, che non molla più fino alla bandiera a scacchi. Importante il distacco degli inseguitori, di ben 8 secondi, con l’inglese che mette la firma anche sul giro veloce della gara.
  • Dietro di lui troviamo il connazionale, e compagno di squadra, Joseph Turney (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex), che rientra in gara grazie al re-start dopo il fuori pista nella prima partenza,  recupera 6 posizioni e ancora una volta è autore di una prova di sostanza. L’inglese conquista il secondo posto al 15° giro, superando il compagno di team Pedro Hiltbrand (Tony Kart Racing Team – Tony Kart – Vortex), terzo sul traguardo.
  • Morgan Porter (Argenti Motorsport – KR – IAME), ottimo quarto, si toglie la soddisfazione di mettersi dietro nientemeno che Taylor Barnard (Rosberg Racing Academy – KR – IAME). Il pilota della Rosberg Racing Academy, una volta subito il sorpasso di Bradshaw, mostra subito di non avere il passo dei primi sul bagnato e arriverà al traguardo con oltre 18 secondi di ritardo.
  • L’ormai ex Campione del Mondo Lorenzo Travisanutto (Parolin Racing Kart – Parolin – TM Racing) è sesto, davanti a Josep Maria Martì (KR Motorsport – KR – IAME), che porta a termine una delle sue migliori performance in questa stagione, e Rasmus Joutsimies (CRG – CRG – IAME) che rimonta ben 19 posizioni. 
  • Matias Salonen (CV Performance Group – KR – IAME), nono, precede Ruben Moya Lopez  ( CRG – CRG – IAME), 10°, ma partito dalla 32^ casella.
  • Fuori dalla top-10 troviamo Juho Valtanen (Pantano Team – KR – IAME) seguito Matheus Morgatto (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing)  e Cristian Bertuca  (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing) che nonostante le penalità recuperano posizioni dopo essere rimasti attardati nelle prime fasi. Ottime le rimonte anche di Dilano Van’T Hoff (Forza Racing – Exprit – TM Racing), 15° con 13 posizioni recuperate, James Wharton (Parolin Racing Kart – Parolin – TM Racing), 17° con 12 posizioni recuperate, Enzo Trulli (Birel ART Racing – Birel ART – TM Racing), 18° con 17 posizioni recuperate e  Frans-Emil Saarijärvi (KOSKI Motorsport – KR -IAME), 19° con 15 posizioni recuperate.
  • 3 i ritiri eccellenti: quello di Nikita Bedrin (Ward Racing – Tony Kart – Vortex), di Rafael Camara Forza Racing – Exprit – TM Racing) e quello di Andrea Kimi Antonelli  (KR Motorsport – KR – IAME). L’italiano è stato vittima dell’incidente che ha obbligato la direzione gara a esporre la bandiera rossa. Purtroppo è stato trasportato in ospedale per una presunta frattura alla gamba.
  • Si ritira per un fuori pista quando era in lotta per il quarto posto assoluto, Markus Kajak (Ward Racing – Tony Kart – Vortex): il pilota estone arriva davvero a un passo da un risultato storico per lui, che non è così un assiduo frequentatore delle gare internazionali di karting.

Risultati

©Photo: Sportinphoto