Birel Art inarrestabile a Phoenix

Birel Art inarrestabile a Phoenix

“Tradotto con il traduttore di Google”

Il team nordamericano BirelART ha attaccato i round 3 e 4 di SKUSA SpringNationals con fiducia questo fine settimana, ospitato nel famoso circuito PKRA di Phoenix, in Arizona. Temperature bollose a temperature elevate costringevano i conducenti e le squadre allo stesso modo a mantenere la calma e isolare le temperature del motore ai normali range operativi. Nonostante il PSL / BirelART abbia una storia importante di vittorie nel circuito PKRA, il team ha dovuto affrontare sfide in questa serie molto competitiva e le ha superate con grande successo.
 
X30 Junior ha visto giocatori del calibro di Mackenzie Clark (Prime Power Team) e Thomas Nepveu hanno aperto la strada insieme a Clark (P5) e Nepveu (P11). La pre finale è stata dura, con Clark che è stato respinto fino al 18esimo posto, ma Nepveu ha trovato la sua strada fino al 9 ° posto. La finale è stata un grande successo per MacKenzie Clark, mentre ha concluso un P4 di carriera nel SKUSA Pro Tour mentre Nepveu ha terminato il P37 a causa di un concorrente che ha messo fuori pista Thomas. Domenica, Clark ha qualificato P7 e Nepveu P9, finendo P5 e P6 in prefinale, con entrambi i piloti che hanno fatto delle prove impressionanti. La finale vedrebbe Clark finire di nuovo un incredibile P4 e compagno di squadra, Thomas Nepveu P5. Una notevole prestazione di Cooper Becklin nel suo primo evento SKUSA, gestendo un P15 di tutto rispetto nella finale di domenica. In Mini-Swift, l’astro nascente Aiden Rudolph, ha fatto delle grandi mosse domenica per finire P13 dal 23esimo in griglia.
 
X30 Senior aveva la pole position di Ryan Norberg, con Jake Drew (PGR Racing), Ryan MacDermid (Prime Power Team) e Nicky Hays (PGR Racing) che assicuravano P9, P11 e P20. La pre finale era una storia diversa, dato che Nicky Hays era in grado di salire di 10 posizioni fino a P10, con MacDermid che finiva con P9 e Drew P11. Con alcune posizioni di griglia ideali garantite per la finale, Norberg è passato alla vittoria, conducendo ogni giro del principale, con MacDermid che ha incrociato P9 e Nicky Hays un forte P8 tra i caos. Domenica, Norberg ha qualificato P4, a soli 0.059 dalla pole, MacDermid P7, Drew P8 e Hays P22. Entrando in finale, la griglia verrà impostata con Norberg a partire da P3, MacDermid P6, Drew P11 e Hays P14. Con una buona partenza, Norberg siederà in P2 per metà gara fino al 11 ° giro, finendo P3 e guadagnando punti preziosi nel campionato, mentre MacDermid avrebbe incrociato P5, Drew P10 e Hays sarebbe DNF al 9 ° giro di 20.

X30 Masters ha avuto Jess Peterson e Vatche Tatikian alla guida del team Birel ART / Ricciardo nelle qualificazioni P3 e P10 rispettivamente per il terzo round di sabato. Con un forte risultato prefinale, avrebbe piazzato la finale di Petersons su P3 e Tatikian sul P9. Nell’evento principale, Peterson sarebbe stato respinto al P10 al terzo giro per stabilirsi definitivamente con P7, mentre Tatikian ha mostrato un grande miglioramento con un P4. Domenica ha Peterson qualificazione P6 e Tatikian P9. Con un’interessante prefinale, Peterson avrebbe attraversato in P11 e Taitkian P5 per impostare la griglia per la finale. L’evento principale sarebbe difficile, con Peterson che termina P8 e Tatikian P6.
 
Con due piloti iscritti nella categoria S2 e S4 Stock Honda Shifter, Michael Ilavia (Racing) e veterano, Jordan Musser (3G Racing). Nella classe S2, Ilavia ha qualificato P1 e Musser P1 nella classe S4. Prefinale, entrambi i piloti avrebbero spinto con Ilavia finendo P3 e Musser P1 con un grosso vantaggio. L’ultimo, Musser avrebbe continuato a vincere per 4 secondi e Ilavia si sarebbe piazzato sul podio con una P2 molto solida. Domenica, sia Musser che Ilavia avrebbero reclamato la pole nelle rispettive classi. La finale avrebbe visto la crociera di Musser su un’altra vittoria, mentre Ilavia sarebbe stata eliminata all’inizio ma sarebbe finita P5.
 
Dominic Labrecque, Presidente Birel ART N.A. – “Abbiamo lavorato con alcune combinazioni diverse di configurazioni con i nostri autisti durante il fine settimana, compensando le temperature anomale del motore e della pista; è assolutamente necessario in condizioni estreme a Phoenix. Alla fine, i nostri sforzi si sono dimostrati forti, come abbiamo dimostrato di cosa sono capaci i nostri kart shifter e senior. Vorrei ringraziare tutti i nostri partner e piloti per il loro supporto. “