ROK Cup Superfinal – Team USA Report

Tre podi per la delegazione americana al South Garda Karting

[tradotto con il traduttore Google]

La Vortex ROK Cup Superfinal 2019 è ormai arrivata e finita e le voci provenienti dagli Stati Uniti hanno dimostrato perché sono tra le migliori al mondo. Reclamando una pole position, vittorie nella gara di calore, tre podi e diversi risultati tra i primi cinque nell’evento internazionale, i piloti del programma ROK Cup USA si sono allontanati dal fine settimana con esperienze, conoscenze e motivazione come il futuro della ROK Cup il programma brilla più luminoso in tutto il mondo di quanto non abbia mai visto prima. Con l’incredibile cifra di 419 piloti provenienti da 52 paesi in tutto il mondo in competizione e gli spettatori in fila per le recinzioni per tutto il fine settimana, la registrazione degli eventi è andata avanti senza intoppi mentre la festa di premiazione e post evento si è rivelata un vero spasso per tutti.

Connor Zilisch, Renato Jader-David, AJ Myers hanno ottenuto risultati sul podio per il Team USA nelle finali di sabato. Collettivamente, il vero ritmo del programma americano non si rifletteva nei risultati finali. Kai Sorensen ha conquistato la pole position nella Mini ROK e due vittorie nella gara di calore, mentre Zilisch ha anche vinto una gara di calore. Numerosi altri piloti del Team USA sono riusciti a raggiungere le prime cinque posizioni finali mentre il Team USA ha dimostrato la propria velocità e forza in più classi ROK.

ROK Shifter Vortex Trophy
La prima domenica è stata la gara del Shifter ROK Vortex Trophy che ha visto protagonisti quattro piloti del Team USA, tra cui Victor Jimenez, Andre Martins, Cooper Becklin e Rod Clinard. Con i loro risultati nella gara di calore che non consentono loro di trasferirsi direttamente all’evento principale, questi quattro piloti hanno combattuto duramente nella prima azione ruota a ruota della giornata.

È stata una corsa breve per Jimenez, tuttavia, poiché il contatto nel complesso d’apertura degli angoli ha danneggiato il suo Tony Kart. Incapace di continuare, Jimenez fu costretto a guardare da bordo campo mentre il resto del campo scorreva. Andre Martins si è allontanato dalla linea e si è rapidamente fatto strada tra i primi dieci dove ha mantenuto il ritmo per l’intera gara di 15 giri finendo 7,151 dietro il vincitore, l’italiano Andrea Tonoli. La Cooper Becklin di Birel rispecchia la quantità di posizioni guadagnate da Martins dall’inizio alla fine mentre entrambi i piloti avanzano di quattro punti mentre il duo termina rispettivamente in nona e undicesima posizione, ma una penalità per Becklin lo riporta al sedicesimo. Rod Clinard e il suo CRG hanno chiuso la Superfinale della ROK Cup 2019 con un risultato del 20 ° posto.

Trofeo Junior ROK Bridgestone
La gara del Junior ROK Bridgestone Trophy ha visto due membri del Team USA combattere mentre William Ferguson era in fila in sesta fila mentre Santiago Biagi è arrivato 25 °. Cercando di concludere il loro fine settimana in grande stile, Ferguson ha corso la maggior parte della gara nella top-15 fino a quando il contatto sul circuito finale non lo ha fatto scendere. Attraversando la striscia al 32 °, il risultato finale non era indicativo della sua velocità in quanto il giovane americano era pronto per una finitura solida. Biagi ha avuto un problema durante i primi giri ma ha continuato a saldare per finire al 33 ° posto.

Sebbene coerente nelle sue heats che hanno ottenuto tre traguardi nella top 20, Emmo Fittipaldi non ha ottenuto punti sufficienti per superare le gare Junior ROK Final o Bridgestone Trophy. Finendo 13 °, 19 ° e 15 ° nelle sue prime tre gare di calore, il pilota di seconda generazione ha avuto un paio di finiture nelle manches tre e quattro che hanno rovinato le sue possibilità di avanzare.

Mini ROK Singha Trophy
Mancando di poco una posizione di trasferimento per l’evento principale, Enzo Deligny si schierò in prima fila nel Mini ROK Singha Trophy e immediatamente tornò indietro. Rimanendo indietro presto a causa della scarsa posizione di partenza della prima fila esterna, Deligny ha chiuso il primo giro all’ottavo posto, ma poi è andato a lavorare per tornare indietro. Segnando il giro più veloce della gara, il giovane pilota Tony Kart è salito fino al quinto posto.

Mentre Deligny vacillava all’inizio, Matias Orjuela ha sfruttato appieno la situazione e si è livellato fino al terzo posto dalla sua sesta posizione di partenza. Combattendo in testa al campo con alcuni affamati piloti della Mini ROK, Orjuela ha portato un paio di piloti nella top-ten con un settimo posto. Il terzo pilota del Team USA ha avuto uno sfortunato complesso di curve in apertura e il contatto ha provocato un tirante rotto e un piantone dello sterzo piegato per Xander Reed. Velocemente durante il fine settimana, Reed è stato costretto a tifare per i suoi connazionali mentre combattevano nella top-ten.

Non classificati dopo le gare di calore, Casey Moyer, Caleb Gafrarar e Salvador Della Vecchia. I tre piloti del Team USA si sono imbattuti in alcuni sfortunati scenari durante il formato di volo della gara a cinque manche e non sono avanzati.

Mini ROK Final
Con due vittorie in gara di calore al suo attivo, il vincitore della pole position della Vortex ROK Cup Superfinal Kai Sorensen è stato costretto a iniziare la finale della Mini ROK dalla quinta fila a causa di una penalità in una manche che lo ha retrocesso in ordine di marcia. Allineandosi in nona posizione e mostrando la sua aggressività e il suo sforzo per arrivare in testa, il giovane americano ha chiuso il giro di apertura in P3. In una gara aggressiva che ha visto i primi sette piloti combattere da ruota a ruota, Sorensen è tornato al sesto posto prima di avanzare ancora una volta. Quando la polvere si è finalmente risolta, il campione pluripremiato del 2019 ha attraversato la striscia in terza posizione, ma una penalità del respingente respinto lo ha retrocesso nell’ordine di marcia per finire 21 °. Alla fine, Sorensen ha mostrato la vera forza o il programma americano Mini ROK ed è stata una minaccia per la vittoria della gara durante il fine settimana.

A partire dal 21 ° in griglia, Miguel Costa si è fatto strada nel bel mezzo della battaglia a centrocampo. Avanzando in avanti all’inizio della gara, Costa prese un ritmo che vide i suoi tempi sul giro solo a pochi decimi dai leader. Sforzandosi di recuperare il maggior numero di posizioni possibili, Costa ha chiuso il suo evento con un 16 ° posto classificandosi come il più alto concorrente del Team USA nella divisione Mini ROK.

Finale ROK Junior
Connor Zilisch, campione del Superfinal ROK del Vortex 2017, si è trovato in una situazione simile sabato Campionato al South Garda Karting. Scendendo dalla griglia nella seconda posizione non favorita, l’obiettivo pre-gara era di rimanere tra i primi cinque e attaccare presto in modo paziente ma aggressivo. Chiudendo il primo giro in terza posizione, ma tornando al sesto nelle fasi intermedie, il giovane americano è arrivato quinto, fornendo al Team USA il miglior risultato nella categoria junior.

Sebbene la sua velocità per tutta la settimana lo abbia visto correre nella top-ten, Luca Mars è stato costretto a iniziare la finale ROK Junior dalla P19 nella sua ricerca della gloria della ROK Cup Superfinal. Sfruttando l’azione del giro di apertura, Mars è avanzato in avanti di sei posizioni per chiudere il giro al 13 °. Girando più veloce del leader e segnando il secondo giro più veloce attraverso il segno intermedio della gara, Marte è stato in grado di avanzare di un’altra posizione per terminare il suo fine settimana al 12 ° posto.

A partire dal 24 ° posto in griglia, il giro iniziale di Nicola Zecchinato ha quasi rispecchiato quello di Luca Mars in quanto è stato anche in grado di avanzare in una manciata di posizioni che hanno contribuito ai risultati del suo evento principale. Chiudendo il suo fine settimana con un 17 ° posto, Zecchinato ha dimostrato di essere uno dei migliori piloti per competere dal Team USA.

Finale ROK Expert / Expert Plus
Il team USA avrebbe iniziato tre piloti nella top-sei del main event di ROK Expert, mentre Renato Jader-David era in testa al terzo posto, seguito da vicino da Derek Wang in quarta e Ariel Castro in sesta. Timothy Meyer e Yannick Rolland si sono messi in fila rispettivamente 20 e 21 per mettere cinque piloti nel campo da 33 kart. Jader-David ha mantenuto la sua posizione nel giro iniziale e è avanzato in seconda posizione al secondo giro mentre Wang è tornato al sesto posto. Castro è stato coinvolto in una rissa al primo giro che lo ha mandato giù al 24 ° ordine e ha subito una penalità di tre secondi nel processo, mentre Rolland ha beneficiato della mischia per avanzare al 15 °. Meyer è passato al 19 ° posto alla fine del terzo giro.

L’evento principale di Meyer si è concluso dopo solo quattro giri, dato che si sarebbe classificato al 31 ° posto mentre a metà strada il Team USA sembrava decente con quattro piloti nella top 20 e ha corso al terzo, sesto, 14 ° e 20 ° posto.

Ariel Castro si ritirò al dodicesimo giro e finì 30esimo mentre Rolland fece altri cinque giri al 17 ° giro prima di fermarsi in pista. Nella parte anteriore del campo, è stato Jader-David a fare una mossa nel penultimo giro per mettersi in posizione per la vittoria, ma ha perso un po ‘di slancio contro il leader. Attraversando la striscia .770 in via posticipata, il campione del Florida Winter Tour ha conquistato il secondo podio del Team USA nel weekend con un secondo posto. Perdendo il contatto con i leader intorno al traguardo a metà strada, Wang ha spinto il più forte possibile per colmare il divario. Con tempi sul giro paragonabili a quelli del vincitore, il leader della Challenge of the Americas ha tagliato il traguardo al settimo posto, mettendo un altro top-10 in classifica per il Team USA.

Finale Super ROK
Per gentile concessione di una forte serie di risultati relativi alla gara di calore, Jace Denmark-Gessel si è assicurato il quinto posto di partenza nell’evento principale del Super ROK ed è stato l’unico membro del Team USA a competere nella classe. Coerentemente durante le manches e sperando di attaccare in finale, la gara Danimarca-Gessel si è conclusa alla terza curva con contatto mentre correva in quinta posizione.

Dimostrando la forza del programma americano e il calibro dei piloti, Denmark-Gessel si è imposto nella divisione ROK senza cambio più veloce nel fine settimana, e in futuro sarà una minaccia per vittorie e podi agli eventi della ROK Cup.

Shifter ROK Final
L’evento principale di ROK Shifter ha visto tre nomi che sono diventati sinonimo di cambio nel Nord America. AJ Myers ha guidato il trio nei risultati durante le gare di calore e ha iniziato l’evento principale dall’esterno della seconda fila, mentre Daniel Formal si è classificato 15 °. Ron White, che ha lottato per un po ‘di ritmo per tutta la settimana, si è fatto strada verso l’evento principale a partire dal 29 ° posto assoluto.

Myers, noto per i suoi incredibili inizi della scorsa settimana, è schizzato fuori dalla linea dal suo punto di partenza P4 per prendere il comando quando sono entrati nel terzo turno. Difendendo il più possibile, Myers è tornato al terzo posto prima della fine del primo giro e ha preso un ritmo. Ron White è stato coinvolto in un incidente in curva d’apertura ed è stato eliminato dalla gara mentre Formal ha dovuto intraprendere azioni evasive per saltare il turno di un accumulo. Perdendo presto il tempo del trio principale, Myers è tornato al quarto posto, quasi 1,5 secondi dietro il leader, ma è stato in grado di tenere il passo e tenere il proprio. Spingendosi forte per staccarsi dalla quinta, il pilota CRG alla fine ha catturato i leader con due giri rimanenti mentre si sono impegnati in una battaglia propria.

Con l’obiettivo di ottenere il titolo di campione della ROK Cup Superfinal, Myers ha approfittato di un’azione tardiva in gara per avanzare al secondo gradino del podio, uno scarso 0,20 dietro il vincitore della gara portando il Team USA al terzo podio della giornata. Daniel Formal è salito di livello dalla sua 15 ° posizione di partenza per terminare 11 ° dopo un frenetico giro di apertura.

Finale ROK Senior
Emma Delattre, vincitrice del Trofeo OMP dal 2018, ha mostrato miglioramenti di anno in anno qualificandosi direttamente nella finale Senior ROK e iniziando la sua ricerca della vittoria dalla fila nove. Tornando al 23 ° nei primi giri, la pilota femminile è stata in grado di mettersi a proprio agio con il suo telaio Exprit e ha fatto delle mosse per avanzare dal 23 al 19 nei primi sette giri dell’evento. In un campo di ROK Senior pieno di talenti, Delattre è stato l’unico americano nell’evento principale e ha corso orgoglioso per il suo paese in rotta verso il 23 ° posto.

Con la ROK Cup Superfinal 2019 ora nei libri dei record, l’attenzione si sposta in Nord America per la seconda ROK Cup USA ROK dell’evento RIO presso il Rio All-Suites Hotel and Casino di Las Vegas, Nevada. Con i numeri di pre-iscrizione che superano il totale degli ingressi dell’evento inaugurale a partire dal 2018, la più grande gara della ROK Cup in Nord America si svolgerà dal 30 ottobre al 2 novembre con denaro e premi sulla linea.

Per ulteriori informazioni su ROK CUP USA, promozioni ROK Cup, ROK Cup Superfinal, Team USA o ROK the RIO 2019, non esitate a contattare ROK CUP USA al numero (407) 476-5635 o info@rokcupusa.com o Garett Potter a garett@rokcupusa.com.