RMCGF – 2019, anno della consacrazione per il Team France

RMCGF – 2019, anno della consacrazione per il Team France
, , , , , Rotax Challenge Grand Finals, SARNO, International Race, © KSP Reportages

[tradotto con il traduttore Google]

Con 16 piloti che si qualificano per la Rotax Grand Final del 2019, il Team France ha vinto per la prima volta la Coppa delle Nazioni nella prima posizione dei 58 paesi iscritti alla competizione. Gli artigiani di questo successo, Jolan Raccamier, vincitore di Mini Max, Andy Ratel, Sacha Maguet, Nicolas Picot e Rudy Champion, presenti sul secondo gradino del podio, sono stati supportati dai loro compagni di squadra durante questo confronto su scala mondiale. un livello di competitività raramente raggiunto.

La ventesima edizione della Rotax Max Challenge Grand Finals si è svolta in Italia sul circuito di Sarno dal 19 al 26 ottobre ed è stata caratterizzata da scontri sportivi di intensità insolita. Ricordiamo che questo evento unico nel suo genere ha affrontato 360 piloti su set telaio, motore, pneumatici, identici assegnati per sorteggio. La spietata selezione dei migliori ciclisti Rotax di tutto il mondo ha aggiunto un’impressionante correttezza sportiva ai pneumatici Rotax Max Evo e MOJO forniti dal produttore austriaco. Non abituati a combattimenti così duri nell’esagono, i francesi hanno rapidamente preso la misura dei loro avversari per brillare in quattro delle cinque categorie in cui erano impegnati. La Francia ha vinto la Coppa delle Nazioni di fronte a Finlandia e Australia.

Qualificati al NSK, ai campionati FFSA e alle Coppe di Francia, così come al nuovo Rotax Max Challenge International Trophy, i 16 tricolori sono stati al centro degli eventi 3MK. Due piloti ufficiali del Sodi Racing Team sono stati inviati in Italia per supportare il Team France. Adrien Renaudin, capitano della squadra del 2019, e Bas Lammers, il grande campione olandese, non hanno risparmiato sforzi per condividere la loro esperienza e conoscenza della gara. Molto più di una semplice gara, la Rotax Max Grand Finals Challenge è una vera festa di kart con un’atmosfera inimitabile per un’intera settimana, un evento fondamentale per tutti i partecipanti.

Il settore francese Rotax ha dimostrato il valore delle competizioni esagonali per condire e selezionare i suoi elementi migliori. Michel Guignard e Patrick Vizatelle, rappresentanti della FFSA che sono venuti per partecipare all’evento, non hanno nascosto la loro soddisfazione per il successo dei piloti delle categorie motorizzate federali Rotax, partner di lunga data della Federazione. Dopo un tale successo, i posti saranno probabilmente ancora più contestati durante le competizioni francesi Rotax del prossimo anno.

Doppio vincitore Raccamier / Ratel in Mini Max
Allenati nella categoria Cadetti, i più giovani hanno costantemente interpretato i ruoli principali in Mini Max, scoprendo il layout di Sarno, il telaio Mini Max Compkart e le gomme Mojo. Jolan Raccamier è riuscito a lasciare il segno in una finale epica vincendo nell’ultimo round contro Andy Ratel. Aveva conquistato la pole position prima di vincere una manche e la prefinale. Terzo alla fine delle manches, Paul Alberto ha confermato finendo sesto nella finale mentre Karel Schulz ha progredito per tutta la competizione e si è arrampicato dal 23 al 9.

Junior Max: Maguet torna al 2 ° posto
Velocemente durante le sessioni di prove libere, i quattro piloti Junior Max della categoria Nazionale hanno dovuto salire durante le manche dopo aver deluso le qualifiche. Sacha Maguet è tornato al 4 ° posto e Noam Abramczyk al 7 ° dopo le manches. Enzo Caldaras è riuscito a qualificarsi per la finale nonostante diverse penalità di spoiler, mentre abbiamo perso Téo Blin, preso in una massiccia collisione all’inizio della prefinale A. Sacha ha confermato raggiungendo il secondo gradino del podio, una grande impresa dopo il suo 25 ° tempo più veloce. Noam era tornato in 13 ° posizione, ma era 24 ° in battaglia. Anche Enzo è progredito prima di finire 26 °.

Talenti mal ricompensati in Senior Max

Paul Fourquemin ha avuto la prestazione di rivendicare la vittoria, ma lo svolgersi della competizione ha deciso diversamente. Guillaume Treillard di Quinemont è riuscito a conquistare una superba quarta volta nel crono, mentre Paul era settimo. I due piloti purtroppo hanno perso molti posti durante un incidente nella prima manche. César Gazeau ha perso molto a causa di un ritiro nella seconda manche. Per quanto riguarda Florian Bourdon, autista di Max Master, ha cercato di stare al passo con i giovani senza correre rischi inutili. Cesare ha iniziato un incredibile recupero di oltre 12 posti per raggiungere la top 10 della finale, ma un nuovo incidente lo ha relegato al 14 ° posto. Paul ha concluso la sua gara in 17 ° posizione con un guadagno di 11 posti. Guillaume è stato ritardato dal primo giro e una penalità spoiler non gli ha permesso di fare meglio del 28 °.

DD2: Picot accende gli spalti
Molti hanno scoperto a Sarno l’incredibile determinazione di Nicolas Picot. Combattendo costantemente per la vittoria, ha vinto tutte e tre le manches in pista dopo la sua terza volta, ma una penalità da spoiler lo ha ritardato. Ha vinto di nuovo la sua prefinale e ha consegnato un combattimento omerico davanti alla finale. Nicolas ha dovuto dare il 1 ° posto dopo aver guidato per 10 giri. Era ancora felice del suo secondo posto su un podio di sportività esemplare. Lucas Joly se ne è andato riempito di Sarno dopo un inizio d’incontro eccezionale: 4 ° più veloce, 4 ° inning, non aveva mai raggiunto un livello nella Grand Final. L’ultima gara è stata più complicata e ha concluso 21 °.

Campione nella parte superiore del DD2 Master
La competizione è iniziata male con l’incidente di Romain Mangé durante la prima sessione di prove libere. Clavicola fratturata, tornò immediatamente in Francia per sottoporsi a un intervento chirurgico.
Sebbene privato del lunedì, Rudy Champion è tornato immediatamente al centro della questione e ha recuperato molto duramente nelle manches con due migliori giri. È passato dal 19 ° al 4 ° posto sulla griglia di partenza della finale. Rudy ha combattuto come un leone e ha tagliato il traguardo a meno di due decimi dal vincitore.