Parolin Racing Kart – Performance al top e podio nella Mini per Khavalkin

0
Parolin Racing Kart – Performance al top e podio nella Mini per Khavalkin

Disputata sulla pista asciutta di Adria, la prima prova della WSK Super Master Series presentava un parterre di tutto rispetto. I telai Parolin sono stati all’altezza della sfida dando la possibilità ai loro piloti di realizzare delle ottime performance. L’intensità delle gare non ha permesso a tutti di concretizzare, ma il secondo posto di Khavalkin nella Mini, il percorso di Victorsson nella OK-Junior e la Top-5 di Wharton nella classifica provvisoria OK sono degli indicatori molto incoraggianti per la stagione.

“Piazzare tre piloti nella Top-7 della finale Mini dà sempre una certa soddisfazione”, ha dichiarato Marco Parolin. “Una migliore gestione della finale tra i compagni di squadra avrebbe senza dubbio portato a risultati ancora più positivi per il nostro team. Abbiamo avuto il piacere di assistere a prestazioni interessanti da parte dei giovani piloti al volante dei nostri telai negli altri team e questo si preannuncia promettente per il prosieguo della stagione. Nella OK, delle prove cronometrate di medio livello hanno complicato il compito dei nostri piloti e solo Wharton è riuscito a cavarsela. Per la stessa ragione, la competizione è stata difficile nella OK-Junior, ma il percorso di Philip Victorsson lascia sperare dei week-end più positivi in un prossimo futuro.”

Mini: Khavalkin, Al Dhaheri e Gladysz in grado di giocarsi la vittoria

Anatoly Khavalkin si è dimostrato ancora una volta molto convincente. Dopo la sua vittoria la settimana scorsa nella Champions Cup, ha reiterato le sue performance nella WSK Super Master realizzando tre giri più veloci in gara. Autore del quinto tempo, è riuscito a rimontare al secondo posto al termine delle manche di qualificazione ed è riuscito a vincere la prefinale. Ritardato alla partenza della finale sulla fila esterna, è riuscito a rimontare grazie alla sua velocità e ad accaparrarsi uno straordinario secondo posto in finale così come nella classifica generale del campionato. Autore del secondo tempo, Maciej Gladysz ha perso tempo in una manche a causa di uno spoiler staccato, ma è riuscito a rimontare nelle prime posizioni in finale. Dopo un ritiro nella prima manche, Rashid Al Dhaheri ha realizzato uno straordinario percorso fino a rimontare al quarto posto nella sua prefinale. È stato più volte nelle prime posizioni in finale per poi concludere nella Top-5. Partito bene, Guillaume Bouzar ha conquistato due vittorie prima di essere costretto al ritiro nella sua ultima manche. Penalizzato per il suo spoiler in prefinale non è purtroppo riuscito a qualificarsi. Per quanto concerne Dimitri Matrenin è riuscito a rimontare in ognuna delle sue manche senza riuscire a raggiungere le fasi finali.

Victorsson guida la battaglia nella OK-Junior

La nuova formazione Junior del team Parolin Racing Kart comincia progressivamente ad ambientarsi. Philip Victorsson si è dimostrato il più performante rimontando fino al quinto posto della sua prefinale. Dopo quattro giri con la procedura “slow” si trovava al decimo posto della finale, ma poi è stato escluso dalla gara. In svantaggio a causa di varie penalità per spoiler, Giovanni Trentin è riuscito a recuperare 18 posizioni nelle fasi finali. Delle penalità e un ritiro hanno impedito a Lukas Malek di qualificarsi. Matvey Sonkin ha effettuato rimonte in ogni gara, ma si trovava troppo nelle retrovie per riuscire a raggiungere la finale, mentre Arnur Shabdar ha dovuto affrontare troppi imprevisti per avere un risultato positivo questa volta.

Delle belle performance mal ricompensate nella OK

I tre piloti OK di Parolin si sono distinti per una serie di progressioni nelle manche di qualificazione. Matheus Morgatto si trovava nella Top-10 nella prefinale B quando è stato costretto al ritiro. Anche Hugo Sasse, autore di una rimonta di 23 posizioni dalle prove cronometrate, ha dovuto rinunciare alla prefinale. James Wharton ha proseguito la sua progressione riuscendo a conquistare la sua prefinale A. Purtroppo ha perso terreno in quanto partiva dalla fila esterna in finale, ma si è battuto fino alla fine sfiorando la Top-10 al traguardo. Le sue performance gli hanno valso la quinta posizione della classifica provvisoria.

Il prossimo grande appuntamento sportivo si terrà tra meno di due settimane in occasione della 25a edizione della celebre Winter Cup che sarà seguita, sempre sul circuito di Lonato, dalla seconda prova della WSK Super Master Series.