Paolo De Conto e CRG “star” alla premiazione CIK-FIA 2017

Al “CIK-FIA Prize Giving” di Milano Paolo De Conto raccoglie i maggiori applausi per le sue vittorie con CRG nel Campionato del Mondo e nel Campionato Europeo KZ. Il commento di De Conto su una “stagione da incorniciare”.

Paolo De Conto con CRG sul tetto del Mondo e d’Europa nella cerimonia CIK-FIA Prize Giving 2017 all’Excelsior Hotel Gallia di Milano, con il pilota italiano mattatore della premiazione annuale della Commissione Internazionale Karting per il suo doppio successo nel Campionato del Mondo KZ e Campionato Europeo KZ.

Alla presenza di tutte le maggiori autorità CIK-FIA, con il presidente Abdulla bin Isa Al Khalifa e il Vice Presidente Kees van de Grint nella cerimonia introdotta dal Presidente di WSK Promotion Luca De Donno, Paolo De Conto è stato uno dei maggiori protagonisti festeggiati nella premiazione CIK-FIA che lo ha visto per la seconda volta consecutiva vincitore nel Campionato del Mondo in KZ e per la terza volta vincitore nel Campionato Europeo KZ.

Il pilota italiano di Valdobbiadene (Treviso) della squadra ufficiale CRG, con i due titoli CIK-FIA conquistati su CRG-TM Racing-Bridgestone ha così concluso una stagione 2017 di grande rilievo, completata anche dalle sue due vittorie riportate sempre in questa stagione nelle due prove internazionali di Las Vegas e della Race of Stars in Australia.

“E’ stata una stagione da incorniciare – ha dichiarato un soddisfatto Paolo De Conto – non potrei certamente chiedere di più. Per me è una grande soddisfazione essere diventato il punto di riferimento di una categoria caratterizzata da sempre dai “mostri sacri” del karting”. Sono veramente molto contento.”   

– Questo secondo titolo nel Campionato del Mondo in KZ è arrivato dopo averne perso uno all’ultimo giro nel 2015 a Le Mans, poi però sei riuscito a riscattarti molto bene nel 2016 con il titolo mondiale conquistato a Kristianstad e ora nel 2017 con il bis a Wackersdorf.

“Alla fine anche nel 2015 è andata bene lo stesso, CRG vinse con il mio compagno di squadra Jorrit Pex e io mi piazzai secondo. Ovvio che dal punto di vista personale quella volta per me fu una batosta non riuscire a vincere a pochi metri dall’arrivo. Diciamo che quell’episodio mi dette la sveglia per migliorarmi ed essere più determinato, insomma mi arrivò una scossa per compiere quel salto di qualità che ho realizzato nei due anni successivi.”

– Tu hai compiuto una trafila completa nel karting, dalla 60 Mini a tutte le categorie superiori fino alla massima espressione competitiva del karting rappresentata dalla KZ. Quale consiglio ti senti di dare a un giovane in carriera?

“Il karting è uno sport che va affrontato con molta dedizione, se si vogliono raggiungere risultati importanti è necessario dedicargli molto tempo. E’ necessario allenarsi tutte le settimane, avere un’alimentazione corretta e fare una intensa attività sportiva per tenere allenato il fisico. Nei weekend di gara è poi necessario dosare le proprie forze per essere pronti alle finali della domenica senza arrivare stanchi alla fase conclusiva. E’ necessario conoscere anche i segreti della meccanica del karting. Non è uno sport facile, anzi è molto impegnativo sia dal punto di vista mentale che fisico”.

– A questo punto qual è il tuo obiettivo per il futuro?

“Il mio obiettivo è quello di continuare nel karting a tempo pieno, con il massimo impegno come ho sempre fatto per le cose che mi interessano. Certamente dopo aver vinto quest’anno sia il Campionato del Mondo che il Campionato Europeo, penso che sarà ancora più difficile riconfermarmi ma farò di tutto per vincere ancora. Ho una responsabilità non da poco anche per CRG. Non è facile correre avendo sempre tutti gli occhi puntati addosso, ogni errore potrebbe costarmi caro e attirare l’immancabile critica. Credo che da ora in avanti per me ogni tipo di gara sarà come correre una finale di un Campionato del Mondo. Fra pochi giorni sarò di nuovo in pista, a testa bassa!”

Fonte: Ufficio Stampa CRG SpA