Missione compiuta per Birel ART nella Grande Finale Rotax

Missione compiuta per Birel ART nella Grande Finale Rotax
, , , , , Rotax Challenge Grand Finals, SARNO, International Race, © KSP Reportages

Il 2019 sarà ricordato come l’anno degli anniversari importanti: il 60° per Birel ART, il 20° per la Rotax Max Challenge Grand Finals e una collaborazione nata sotto il segno del successo. Da otto anni fornitore ufficiale del grande appuntamento annuale Rotax, Birel ART ha confermato la sua capacità di produrre telai di qualità fornendo le categorie Mini Max sotto i colori Compkart e DD2 sotto i suoi colori. In totale, 108 piloti soddisfatti del loro mezzo al termine di sei giorni di competizione intensa sul circuito italiano di Sarno, vicino a Napoli.

Proprio come nelle performance precedenti nella RMCGF, Birel ART ha erogato un servizio di qualità ai partecipanti di questa ventesima edizione. La sfida, vale a dire soddisfare piloti appartenenti alle categorie Max DD2 e Mini Max, è stata affrontata in modo sapiente da tutto il team del costruttore italiano, a cui è stata espressa piena soddisfazione la sera della gara per il lavoro svolto.

“Offrire a tutti i nostri clienti il miglior materiale per puntare alla vittoria è la nostra ragion d’essere. È per questo che la nostra produzione si fonda su processi molto rigorosi utilizzando macchinari tecnologicamente all’avanguardia, per fabbricare nel corso dell’anno telai performanti in qualsiasi condizione. Per noi uguaglianza è la parola chiave”, ha commentato Ronni Sala, presidente di Birel ART Group. “La nostra filosofia è in linea con l’esigenza di BRP Rotax per la Grande Finale. Ecco perché la nostra partnership è vantaggiosa per entrambe le parti e per i piloti che non nascondono la loro soddisfazione”.

Quest’anno, Birel ART ha portato con sé il suo telaio CRY30 RX-S10-DD2, direttamente derivato dal telaio che ha recentemente vinto il Campionato mondiale KZ a Lonato. I due piloti autori della doppietta storica del marchio di Lissone al mondiale, Marijn Kremers e Riccardo Longhi, erano presenti a Sarno per fornire dei suggerimenti ai piloti DD2. Un servizio esclusivo molto apprezzato!

Per la categoria Mini Max dei 10-13 anni, Birel ART ha schierato il telaio Compkart Ranger 28 da 950 mm fabbricato in Italia per conto del team americano J3 Competition. Si tratta nientemeno che del famoso C28-S9 che conquista numerosi successi in tutto il mondo, con una livrea dinamica e tubi giallo fluo.

Nelle due categorie, Birel ART ha potuto ancora una volta registrare un indice di soddisfazione elevato dovuto all’uguaglianza e alla performance dei suoi telai nonché alla competenza e alla disponibilità del suo servizio clienti. “Oltre alla fornitura di telai grazie a una logistica d’eccezione, abbiamo saputo rispondere a tutte le domande riguardanti la manutenzione, i suggerimenti, certe operazioni meccaniche e la fornitura di pezzi di ricambio”, ha aggiunto Ronni Sala.

La finale DD2 ha dato luogo a una battaglia sportiva eccezionale tra i primi tre nel corso di tutta la gara. Specialista ceco della categoria, Petr Bezel si è infine imposto davanti al francese Nicolas Picol e allo sloveno Xen de Ruwe durante una competizione di altissimo livello.

Nella Mini Max, il francese Jolan Raccamier ha vinto davanti al suo compatriota Andy Ratel dopo un colpo di scena nell’ultimo giro. L’australiano Costa Toparis ha conquistato la terza posizione.