Kremers, Longhi e Beggio: sfida tra kartisti Campioni del Mondo al simulatore

All’Autodromo di Monza, i piloti Birel ART Marijn Kremers e Riccardo Longhi, primo e secondo al mondiale KZ di Lonato, si sono alternati al volante del simulatore AVEHIL insieme al pluri-iridato Gianluca Beggio.

Come se la cava il campione del mondo di kart KZ al volante di un simulatore di guida professionale? La risposta arriva un pomeriggio di ottobre all’Autodromo di Monza, dove i piloti Birel ART Marijn Kremers (il neo campione del mondo KZ, appunto), Riccardo Longhi (secondo classificato) e il cinque volte campione del mondo Gianluca Beggio si sono messi alla prova al volante dell’innovativo simulatore AVEHIL by Skydrive, nella sua configurazione GT.

La struttura, situata all’interno della tribuna centrale del rettilineo principale del circuito di Monza, ospita un vero e proprio polo tecnologico dedicato alla simulazione di guida, che trova forma in due simulatori, uno GT e l’altro monoposto. Il concept AVEHIL (per chi volesse approfondire rimandiamo al sito AVEHIL nella sezione dedicata) è veramente unico nel suo genere: grazie alla propria piattaforma dinamica che replica fedelmente i movimenti delle vetture reali, annulla i classici effetti collaterali (nausea…) che si verificano alla guida dei simulatori. Ma non solo: i simulatori AVEHIL, sia Single Seater sia GT, sono accomunati dal fatto che tutta l’interfaccia pilota (volante, pedaliera, ecc. ecc.), ma anche le scocche delle vetture, sono assolutamente reali e non delle repliche. Così da garantire ai piloti il corretto feeling di guida, in ogni dettaglio.

I piloti Birel Art, per la loro prova, si sono sfidati su quello che è il campo di battaglia dell’AVEHIL Ranking, ovvero il circuito Red Bull Ring di Spielberg al volante di una Porsche Carrera Cup.
Qualche giro di adattamento è stato inevitabile, ma ben presto le doti dei kartisti si sono fatte vedere. A Marijn, in particolare, sono bastate poche sessioni per portarsi a poco più di un secondo dai tempi fatti registrare da Alessio Rovera, pilota professionista impegnato nel Campionato Italiano GT, campione italiano Porsche carrera Cup e coinvolto anche nello sviluppo della piattaforma. Di poco più lenti i tempi di Riccardo Longhi e Giancluca Beggio, anche loro in grado di spingere forte dopo solo un paio di giri (nonostante qualche problema a uscire dai box per Gianluca…)

Cristiano Giardina, ideatore e fondatore di AVEHIL, accoglie i piloti Birel Art nella sede di Skydrive. Qui, saluta il cinque volte campione del mondo di kart, Gianluca Beggio.

La soddisfazione è stata unanime, sia per i piloti, incuriositi e coinvolti dalle sensazioni davvero reali trasmesse dal simulatore, sia per Cristiano Giardina, l’ideatore di AVEHIL, che ha avuto modo di verificare con i propri occhi (e con la telemetria) i risultati di questo incontro tra kart e automobile, rimarcando l’abilità dei due piloti di kart e del 5 volte campione del mondo Beggio di adattarsi senza alcuna esitazione a uno stile di guida, quello delle vetture a ruote coperte, diverso da quello per loro abituale.