Il Rotax Max Challenge Euro Trophy incorona i campioni del 2019

[tradotto con il traduttore Google]

Dopo le soste ad Adria (Italia) e Kristianstad (Svezia), l’Euro Trophy Rotax MAX Challenge si è recato a Wackersdorf, in Germania, dal 6 all’8 settembre. Nella moderna struttura della Prokart Raceland, l’élite Rotax si è nuovamente riunita per il grande finale dell’anno ed è stata sfidata da condizioni meteorologiche variabili durante il fine settimana. Eppure il circuito lungo 1.190 metri in Baviera si è tenuto asciutto per la maggior parte del tempo e ancora una volta si è rivelato il terreno perfetto per gare emozionanti e piene di azione, che alla fine non hanno solo accertato alcuni nuovi vincitori, ma quattro degni campioni e sette delegati per le RMC Grand Finals di Sarno (IT) ad ottobre …

Juniors: vince Oli Pylka – Mike van Vugt prende il titolo
Oli Pylka (Dan Holland Racing) è stato il pilota del weekend nel campo degli juniores. Su una pista bagnata in qualifica, la pole era più di un secondo più veloce dei suoi avversari. Questo dominio è continuato nelle manches, che il giovane ha vinto entrambe, conquistando così la pole position per l’ultimo giorno. E anche allora il pilota della FA è stato imbattibile: anche se le gare non sono state per lui un passaggio, il talento dalla Polonia alla fine ha conquistato entrambe le vittorie e la vittoria del giorno, che lo ha persino portato al secondo posto del campionato.
Il leader del campionato Mike van Vugt (JJ Racing) nel frattempo ha mostrato forza tattica a Wackersdorf. L’olandese non ha rischiato troppo e si è classificato secondo in entrambe le finali, difendendo con successo il titolo del campionato. Anche l’eroe locale Moritz Schmeiss (JJ Racing) aveva motivo di tifare. Sul terreno di casa il tedesco è arrivato terzo in entrambe le finali e ha preso questa posizione sul podio della classifica del giorno.

Senior: Mathilda Olsson celebra la terza vittoria della stagione
Nella categoria senior, la più grande griglia del Rotax MAX Challenge Euro Trophy, la vittoria complessiva è stata raggiunta durante la gara a metà tempo in Svezia. Mathilda Olsson (Strawberry Racing) aveva già ottenuto i punti necessari nella sua partita in casa. Di conseguenza, il veloce svedese era senza pressioni a Wackersdorf. Ma è stato solo sabato, quando non ha avuto un ruolo da protagonista. In questa fase iniziale dell’evento, gli inglesi Jason Lockwood (KR Sport) come l’uomo più veloce in qualifica e Rhys Hunter (Dan Holland Racing) come leader dopo le manches, hanno fissato il ritmo.
Domenica, Mathilda Olsson ha reagito. In una prima gara estremamente elettrizzante, in cui fino a dodici piloti hanno combattuto per la vittoria, lo scandinavo ha prevalso con una prestazione eccellente e ha tagliato il traguardo davanti a Rhys Hunter e Lewis Gilbert (Persistence Motorsport). Anche nella seconda gara la decisione fu vicina: ma questa volta Lewis Gilbert prese la gara. Di soli due decimi di secondo, spinse Mathilda Olsson e Rhys Hunter nelle posizioni di inseguimento. Tuttavia, Mathilda Olsson ha ottenuto il maggior numero di punti per la classifica del giorno, motivo per cui la campionessa ha celebrato la sua terza vittoria nel 2019. Lewis Gilbert è arrivato secondo a Rhys Hunter, che alla fine si è assicurato il titolo di secondo classificato.

DD2 / DD2 Masters: titolo per Jakub Bezel e Robert Pesevski
La DD2 è iniziata con una decisione drammatica all’inizio del fine settimana: dopo la sessione di qualifiche è stata trovata una non conformità tecnica sul kart del leader del campionato Petr Bezel (KSCA Sodi Austria Team, che ha portato alla squalifica. la prima volta che il ceco si è distinto a questo proposito, è stato escluso dall’evento, il che gli ha fatto perdere tutte le possibilità per il titolo. Suo fratello Jakub Bezel (KSCA Sodi Austria Team), che apparteneva alla cerchia dei favoriti del titolo, anche lui ha avuto un’esperienza simile, essendo squalificato a causa di una violazione tecnica, ma contrariamente a suo fratello, gli è stato permesso di partecipare all’evento.
Quindi Xander Przybylak (Bouvin Power) era sotto i riflettori. Il belga ha avuto improvvisamente la migliore opportunità di vincere il titolo del campionato. E in effetti non ha lasciato nulla al caso. Il belga ha guidato il miglior tempo in qualifica e ha difeso il primo posto dopo le manches. A partire dalla pole position nella prima finale, non è stato possibile fermarsi per il pilota di Tony Kart. Ha celebrato una vittoria sul traguardo davanti allo svedese David Rehme (Dan Holland Racing) e all’Austria Manuel Tenschert (KSB Racing). A quel tempo la vittoria del titolo di Xander Przybylak era quasi chiara, ma la seconda gara dovrebbe invertire la tendenza. Questa volta, Christian Sorensen (Dino) ha lasciato il segno nella seconda finale. Il danese ha ottenuto la vittoria finale e ha celebrato la vittoria nella classifica del giorno con una forte prestazione. Tuttavia, la sua prestazione si è un po ‘persa a causa della decisione del campionato, che è stata risolta dietro di lui: Jakub Bezel ha combattuto coraggiosamente con nervi saldi e si è assicurato il secondo posto davanti a Manuel Tenschert. Da quando Xander Przybylak è tornato alla quinta posizione, il campionato è stato deciso: con un gap di soli quattro punti, Jakub Bezel è stato incoronato campione del 2019, mentre Xander Przybylak ha dovuto accontentarsi del secondo posto.


Non ci sono state sorprese nel campo dei DD2 Masters: il leader Robert Pesevski (KSCA Sodi Austria Team) ha vinto entrambe le gare chiaramente e ha prevalso non solo nella classifica del giorno, ma nel campionato del 2019. Il podio della giornata è stato completato dal belga Christophe Adams (Team La Putrel) e dal polacco Slawomir Muranski (46 team). In classifica generale anche Christophe Adams è arrivato secondo davanti al tedesco Michael Becker (RS Competition).

“Siamo estremamente contenti della stagione 2019. Abbiamo visto un altro aumento del numero di partecipanti e vissuto tre entusiasmanti round di campionato. Anche il primo Euro Trophy Open RMC tenutosi a Genk (Belgio), in primavera, ha avuto un successo assoluto. Stiamo già lavorando intensamente ai preparativi per il 2020, che vedranno alcune novità, ad esempio l’introduzione della classe Micro, che prenderà parte a tre dei nostri quattro eventi “, sintetizza l’organizzatore della serie Mike Wagner (Camp Company GmbH). 

Sono fissate anche le date e le location per la terza stagione del Rotax MAX Challenge Euro Trophy: L’apertura della stagione si svolgerà dal 10 al 12 aprile 2020 a Genk (BEL). Per il secondo turno uno visiterà Adria (ITA) dal 29 al 31 maggio 2020, prima che il PF International Circuit nel Regno Unito sarà la nuova sede dal 10 al 12 luglio 2020. Il finale si svolgerà tradizionalmente dal 4 al 6 settembre 2020 a Wackersdorf (DEU).

Maggiori informazioni – inclusi rapporti sulle gare, foto, risultati e video live streaming e prossimi eventi, sono disponibili sul sito ufficiale www.rotaxmaxchallenge-eurotrophy.com