Energy Corse – un nuovo titolo nella 60 Mini e performance al mondiale

Energy Corse – un nuovo titolo nella 60 Mini e performance al mondiale
Matveev Dmitry, 60 MINI, RUS, ENERGY / TM / MG, ENERGY CORSE SRL, RGMMC – Champions of the Future, ZUERA, International Race, © KSP Reportages

Team di riferimento nel paddock del karting internazionale, Energy Corse non ha mancato di mettere i suoi piloti sulla strada del podio in queste ultime settimane. Dopo il titolo nella WSK Super Master Series, il russo Dmitry Matveev ha vinto la prima edizione della serie Champions of the Future nella 60 Mini. Nel Campionato mondiale OK-Junior a Portimao, il giapponese Schu Dozono si è distinto proprio indossando i colori del team italiano. Ancora una volta, l’esperienza e il know-how dello staff tecnico ha giocato un ruolo fondamentale in questo successo.

Energy Corse resta sicuramente una delle squadre più formatrici del paddock. Il team riserva costantemente un’attenzione molto particolare a tutti i suoi piloti per metterli nelle condizioni migliori e per puntare ai vertici della classifica. Impegnata nelle principali prove internazionali, la scuderia gestita da Mick Panigada ha affrontato numerose sfide nel 2020 e si appresta a fare lo stesso nel 2021…

Risultati continui nella 60 Mini

Abituale animatore della Rok Cup Superfinal, il team Energy Corse ha piazzato due piloti nella Top-5 sul circuito della Franciacorta. Il russo Dmitry Matveev ha dominato la finale per parecchi giri ed è stato il più veloce degli uomini di testa, prima di perdere alcune posizioni in occasione di battaglie intense. Conclude al quinto posto alle spalle di Salim Hanna Hernandez, supportato da Juan-Pablo Montoya. Il colombiano ha fatto una bella progressione dopo essere partito decimo. Altri tre piloti del team Energy Corse si sono qualificati per la finale: il canadese Jensen Burnett, il peruviano Andres Cardenas (eccellente quarto del suo gruppo al termine delle manche) e l’inglese Alfie Slater, che si è permesso di vincere una della manche! Quanto al thailandese Enzo Tarnvanichkul si è aggiudicato il Singha Trophy.

In questa categoria 60 Mini, dove i partecipanti sono numerosi, bisogna ricordarsi che il russo Dmitry Matveev si è imposto a Zuera a fine luglio, risultato che gli ha regalato il titolo nella serie Champions of the Future organizzata da RGMMC.

Top-12 mondiale per Schu Dozono

Ancora poco conosciuto sulla scena internazionale pochi mesi fa, Schu Dozono ha fatto parlare di sé a Portimao nella OK-Junior. Il giapponese ha approfittato della prova della serie Champions of the Future per migliorarsi, per poi confermarsi al Campionato mondiale. In finale ha realizzato una magnifica rimonta dal 35° al dodicesimo posto in condizioni difficili. Questo significa una rimonta di ventitré posizioni per la sua quarta gara tra i Junior!

Alex Dunne ha raggiunto il team Energy Corse proprio prima della gara della serie Champions of the Future. L’irlandese si è immediatamente posizionato nella Top-10 delle prove cronometrate e delle manche di qualificazione della OK. Purtroppo, ha dovuto ritirarsi in finale. Dunne era ancora molto competitivo nel Campionato mondiale (due volte nella Top-6 delle manche). Ma ancora una volta la finale gli è stata fatale.

Un mese prima a Lonato, Energy Corse puntava ancora a un buon risultato nella International Super Cup KZ2. Sul podio nella stagione precedente con il Campione europeo Emil Skaras, il team italiano ha questa volta piazzato l’olandese Joey Splunteren e lo svedese Alexander Dahlberg nella Top-10 delle manche di qualificazione, in una categoria con 99 iscritti. Alcuni incidenti di gara non gli hanno permesso di tagliare il traguardo! Ma sicuramente bisognerà fare i conti con Energy Corse in occasione delle ultime prove del 2020 e, ovviamente, nel 2021…